Jump to content

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 10/20/2019 in all areas

  1. 1 point
    INFORMAZIONI AGGIUNTIVE: Ottenere i permessi di ROOT IMPEDIRA' la ricezione di futuri aggiornamenti OTA perché questi richiedono un sistema senza modifiche. Pertanto si consiglia di verificare la presenza di eventuali aggiornamenti PRIMA di eseguire questa guida. Ad ogni modo esiste una soluzione: Effettuare il boot da recovery TWRP come mostrato nello step 3E più avanti ma NON EFFETTUATE nessun flash (3D); ora fate un backup completo della vostra ROM senza ROOT; finito il backup procedete con il flash di SuperSU. Quando verrà rilasciato un nuovo OTA dovrete: Effettuare il boot da recovery TWRP SENZA EFFETTUARE nessun flash; ripristinare il backup della vostra ROM senza ROOT effettuato in precedenza; applicare l'aggiornamento OTA da recovery stock; fare un nuovo backup della ROM aggiornata e rieseguire la procedura per l'ottenimento dei permessi. IMPORTANTE: Effettuando questa operazione si andrà a perdere ogni documento, foto, modifica o applicazione installata dopo il backup. --------------------------------------------------- Disclaimer: l'ottenimento dei permessi di ROOT non invaliderà la garanzia, anche se operazioni che potrebbero danneggiare i componenti hardware (overclocking o un hardbrick del device) lo farà. Lo staff di Gizchina.it non si assume nessuna responsabilità per eventuali danni al proprio device pertanto si SCONSIGLIA a chi poco pratico di effettuare tali operazioni, salvo essere pienamente coscienti di cosa potrebbe succedere eseguendo in modo sbagliato tali operazioni. PRIMA DI INIZIARE 1. Assicurarsi che la batteria del device non sia sotto il 50%; 2. assicurarsi che il device ed il computer comunichino correttamente; 3. Sapere come accedere alla modalita FastBoot del OnePlus X. OTTENERE I PERMESSI DI ROOT Ottenere i permessi di ROOT richiede essenzialmente solo quattro operazioni: Backup; sblocco del bootoloader; flash della custom recovery TWRP; flash del file SuperSU.zip. 1. Effettuare un backup: Effettuare un Backup prima di iniziare perchè lo sblocco del bootloader comporta un reset del device ai dati di fabbrica con conseguente perdita di tutti i file personali o applicazioni; 2. sbloccare il bootloader: 2a. Andare in Opzioni sviluppatore ed attivare l'opzione "Sblocco bootloader"; 2b. entrare in Fastboot Mode come spiegato in precedenza; 2c. attaccare il cavetto USB al computer ed al telefono; 2d. verificare che il computer ed il telefono comunichino da Prompt dei comandi con il comando: fastboot devices Se avrete una risposta positiva come mostrato in precedenza: 2e: Effettuare lo sblocco del bootloader con il comando: fastboot oem unlock Il dispositivo ora avrà il bootloader sbloccato ed eseguirà un factory reset cancellando tutti i file presenti al suo interno. Una volta avviato dovrete effettuare nuovamente la procedura di configurazione iniziale. Prima di procedere dovrete riattivare ed autorizzare il debug USB da opzioni sviluppatore come mostrato precedentemente. Inoltre consiglio già di scaricare e copiare dentro la memoria del telefono il file di SuperSu dal suo sito ufficiale; 3. flash della custom recovery TWRP: 3a. Scaricate la recovery TWRP dal sito ufficiale; 3b. Copiare il file scaricato nella cartella del Minimal ADB & Fastboot; 3c. Avviare il teelfono in fastboot Mode e collegarlo con il cavetto USB al computer; 3d. In questo step andremo a sostituire la recovery originale con una modificata. Questo passaggio è opzionale e se si vuole mantenere la recovery stock passare allo step successivo. Aprire il Promp dei comandi, navigare nella cartella del Minimal ADB & Fastboot e digitare: fastboot flash recovery twrp-3.0.2-0-onyx.img 3e. Riavviare in TWRP recovery con questo comando: fastboot boot twrp-3.0.2-0-onyx.img IMPORTANTE: Non dimenticatevi di effettuare un backup della vostra ROM Stock tappando su Backup e facendo uno swipe per confermare. Complimenti! Ora potete effettuare il ROOT dalla TWRP recovery; 4. effettuare il ROOT: 4a. Dalla TWRP recovery tappate su install; 4b. Nel finder che vi si presenterà cercate il file SuperSU scaricato e copiato in precedenza e swipate su flash; 4c. Riavviare il dispositivo. Nel drawer ora è presente una nuova app chiamata SuperSu. Apritela ed aggiornate i binari se richiesto. IMPORTANTE: Lo staff di Gizchina.it non si assume nessuna responsabilità per eventuali danni al proprio device pertanto si SCONSIGLIA a chi poco pratico di effettuare tali operazioni, salvo essere pienamente coscienti di cosa potrebbe succedere eseguendo in modo sbagliato tali operazioni. Fonte: XDA
  2. 1 point
    Nella eterna battaglia dei sistemi operativi, una delle "killer feature" che contraddistingue Android è il livello di personalizzazione che offre ai suoi utenti. Ogni sistema ha il proprio file di configurazione e Android memorizza i suoi valori di funzionamento principali nel file Build.Prop. Per qualsiasi utente, la modifica del file Build.Prop apre la porta a modifiche del dispositivo senza la necessità di installare app o mod di terze parti. Ecco la nostra lista delle migliori modifiche al Build.Prop per il vostro smartphone Android rootato! Attenzione: data l'enorme varietà di versioni e personalizzazioni di Android, per noi è impossibile verificare il funzionamento delle mod su tutte le possibili coppie smartphone-firmware! IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Prerequisiti Permessi di root; File manager con accesso root. Vediamo come modificare il build.prop: per farlo non dovete far altro che andare nella "radice del sistema" e trovere il file "Build.prop", i valori se non presenti vanno aggiunti in coda sennò vanno modificati i presenti. In ogni caso prima di effettuare qualsiasi modifica si consiglia un backup del build.prop. Scrolling delle pagine più fluido Abilitare l'auto rotation nella lock screen Abilitare l'auto rotation nella schermata home Migliorare la velocità di navigazione aumentando il buffer ed impostando i dns di google Modificare i valori del sensore di prossimità per evitare lo schermo nero dopo una chiamata Aumentare la qualità delle immagini Impostare un avvio di android più veloce Abilitare la rotazione a 270° per tutte le app Impostare che i tasti retroilluminati siano sempre accesi quando il display è acceso Disabilitare la segnalazione errori di android Fare in modo che il telefono suoni immediatamente all'arrivo di una chiamata Modificare i DPI del vostro smartphone Modificare l'intervallo della scansione delle reti WIFI Migliorare le performance generali Evitare che il launcer venga chiuso in background e ricaricato ogni volta Migliorare lo streaming dei video Fonte BeeBom
  3. 1 point
    Molto spesso, soprattutto sui terminali cinesi, per ottenere i permessi di root si ha l'obbligo di ricorrere al tool Kingroot. Il tool in questione con un semplice tap riesce a far ottenere i permessi di root ad un numero considerevole di terminali. Il punto è che il tool "inietta" molti file nella cartella "system" del dispositivo di dubbia provenienza. Attualmente non è stato riscontrato nessun problema o testimonianza riguardo la "pericolosità" di tali files. In ogni caso per i piu scettici ecco a voi la proceda per cambiare Kingroot con i più sicuro SuperSU ed eliminarne ogni traccia dal telefono. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo ad utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI SuperSU Replacer; Emulatore Terminale. PROCEDIMENTO Installate dal Playstore l'emulatore terminale; scompattate il pacchetto SuperSU Replacer e copiate la cartella "mrw" sulla memoria del telefono facendo attenzione che contenga 4 files al suo interno; aprite l'emulatore terminale e digitate: su concedete l'accesso al root; digitate: sh /sdcard/mrw/root.sh confermate il comando ed attendete il termine della procedura; potrebbe comparire un messaggio di errore al termine della procedura; chiudetelo ed aprite SuperSU manualmente; aggiornate i binari SuperSU con la procedura normale e riavviate per terminare la procedura. Fonte: W0LFDROID
  4. 1 point
    L'era dei lettori MP3 è ormai giunta al termine, e sempre più spesso ascoltiamo la nostra musica preferita con i nostri fidati smartphone. Purtroppo molti dispositivi non integrano nativamente degli effetti che possano rendere ancora più piacevole l'esperienza di ascolto, ma per fortuna a questo si può porre rimedio con un po' di modding. In questa guida, infatti, vi mostreremo come installare Dolby ATMOS, una suite di effetti utilizzata principalmente da Lenovo. Dato che si tratta di una miglioria puramente software, il pacchetto è compatibile con gran parte dei dispositivi Android (da 4.3 in poi), ma prima di effettuare l'installazione consigliamo di effettuare una ricerca per verificare l'esistenza di pacchetti appositi studiati per il vostro dispositivo. Potrebbero inoltre verificarsi problemi in quei terminali che montano nativamente una versione di Dolby ATMOS. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Prerequisiti Smartphone con Android 4.3 o superiore; recovery custom (TWRP o CWM) installata; pacchetto Dolby ATMOS - link; pacchetto Dolby ATMOS Oreo - link. Procedura Copiate il pacchetto ATMOS più adatto nel vostro telefono; avviate la recovery custom (premere il tasto volume + e quello di accensione contemporaneamente); eseguite un nandroid backup; installate il pacchetto da recovery; riavviate. Dopo il riavvio tra le app apparirà quella di Dolby ATMOS. Divertitevi! In caso di problemi potete disinstallare la mod seguendo la stessa procedura con questo pacchetto o ripristinando il backup. Fonte
  5. 1 point
    In questo nuovo tutorial andremo a vedere come realizzare un file scatter per i dispositivi con processore Mediatek. Il file scatter è indispensabile per poter flashare un nuovo firmware mediante SP Flash Tool. PREREQUISITI ​Driver ADB; MtkDroidTools; PROCEDIMENTO Abilitate il "debug USB" dal dispositivo e collegatelo al computer; installate i driver adb seguendo il tutorial; scaricate il software MtkDroidTools e scompattatelo; cercate il file "MTKdroidTool.exe" ed avviatelo; il software caricherà le informazini del dispositivo; una volta terminato il caricamento cliccate su "Blocks Maps"; Nella nuova finestra cliccate sul pulsante "create scatter file" e selezionate il percorso dove salvare il file; Fonte: androidmtk.com
  6. 1 point
    In questo tutorial vi spiegheremo come poter rimuove le pubblicità dalle app. La procedura è stata testata con successo su di uno Xiaomi Mi 4i, ma dovrebbe funzionare su tutti i device dotati di root. Per maggiori informazioni potete andare all'articolo di riferimento che trovate su Gizchina.it. ATTENZIONE: è doveroso da parte nostra ricordarvi che lo staff diGizChina.it non si assume responsabilità relative ad eventuali danni sul proprio dispositivo dovuti all'esecuzione impropria delle seguenti indicazioni. Downloads Remove_Ads.zip: https://mega.nz/#!4R1QCBgJ!_ka1Yliv-ddq0bDDRL7N-47x3suiD3bF2IvcD7K-7gI[/size] Guida Scaricare il file Remove_Ads.zip; estrarre il contenuto e copiare il file hosts all’interno; incollare il suddetto file all’interno della cartella /system/etc/ tramite l’uso di un qualunque root explorer; impostare i permessi su RW-R-R; riavviare il dispositivo. Fonte
  7. 1 point
    In questo nuovo tutorial andremo a vedere come abilitare il tasto "Home" nell'interfaccia dell'app di Google Chrome. PREREQUISITI Mod per Google Chrome; Custom recovery presente sul proprio terminale; PROCEDIMENTO Copiare La mod per Google Chrome sulla memoria del telefono; riavviare lo smartphone in "recovery"; tramite la funzione "Install" selezionare il file appena copiato e procedere all'installazione; riavviare il telefono. Ora potete attivare la mod andando nelle "impostazioni" di Chrome. La procedura descritta potrebbe non funzionare su tutti i modelli o causare softbrick. GizChina.it non si ritiene responsabile per eventuali danni al dispositivo. Fonte: GIZDEV


×