Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'xiaomi'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Primi passi
    • Presentazioni
    • Comunicazioni dallo Staff
    • Suggerimenti & Proposte
  • Smartphone
    • Nubia
    • Xiaomi
    • Lenovo
    • Huawei
    • LeTV / LeEco
    • OnePlus
    • 360
    • Oppo
    • Smartisan
    • Meizu
    • ASUS
    • Vivo
    • Altri Brand
  • SmartWatch and SmartHome
    • Xiaomi - Huami Amazfit
    • Wear OS By Google
    • Altri Brand
  • Tablet e Ultrabook
    • Chuwi
    • Cube
    • Huawei
    • Onda
    • Pipo
    • Teclast
    • Xiaomi
    • Altri Brand Tablet
  • Stampa 3D
    • Discussioni generali
    • Stampanti 3D
  • Teardown
    • I Nostri Teardown
  • Sistemi Operativi
    • Android
    • Microsoft
    • Ubuntu Linux
    • Leaked ROM
  • Off Topic
    • Discussioni Android
  • Mercatino
    • VENDO
    • COMPRO
    • SCAMBIO
  • Store
    • Codici sconto

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Città 


Interessi


Smartphone in uso

Found 173 results

  1. Molto spesso i venditori cinesi installano sui loro dispositivi ROM alterate, non ufficiali e non supportate dai produttori. Nel caso di Xiaomi il problema è particolarmente sentito in quanto queste ROM "farlocche" non permettono lo sblocco del bootloader e impediscono i normali aggiornamenti OTA. Dopo avervi mostrato la procedura generica per installare una versione ufficiale di MIUI sui dispositivi Xiaomi, oggi ci affideremo a SP Flash tool e ci focalizzeremo solo su due modelli dotati di SoC Mediatek: Redmi Note 4 e Redmi Pro. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Prerequisiti ROM ufficiale fastboot - link; PC con Windows 10 64 bit (consigliato); pacchetto SP tool + driver - link. Procedura Scaricate ed estraete tutti i file elencati nei prerequisiti; installate i driver contenuti in "MTK_Driver_Installer_.1352"; aprite la cartella "SP-FLASH-TOOL"; click con il destro su "flash_tool.exe" -> esegui come amministratore; su "Download agent" impostate "MTK_All_In_One.bin", si trova nella cartella si Sp flash tool; impostate lo scatter MTK6797, lo trovate nella cartella "images" della ROM che avete scaricato; togliete la spunta dalla voce "preloader"; click su "download"; collegate il telefono spento al computer premendo contemporaneamente il tasto volume -; apparirà una barra rossa, contate fino a cinque e rilasciate il tasto volume -; attendete il completamento dell'operazione e riavviate. Fonte
  2. Android N sta finalmente arrivando nelle mani dei consumatori, ma la nuova incarnazione del robottino verde è ancora tra le meno diffuse. Naturalmente i più smaliziati possono precorrere i tempi con po' di modding, ma non è detto che possano usufruire da subito di tutte le funzionalità delle ROM più rodate. È questo il caso, ad esempio, del mancato supporto a VoLTE (la tecnologia che permette di effettuare le comuni chiamate vocali sfruttando la rete LTE di ultima generazione) su gran parte dei firmaware Nougat per Xiaomi Redmi Note 3 Pro. Seguendo questa guida, tuttavia, sarete in grado di abilitare VoLTE su molte di queste custom ROM su base Nougat! IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Si consiglia inoltre di effettuare un backup prima di procedere al flash. Prerequisiti Redmi Note 3 Pro con ROM Nougat compatibile, recovery TWRP (o CMW) e root; pacchetto zip base "volte.zip"; pacchetto specifico per la ROM (cartella Mega)(progetto XDA). Ovviamente la ROM è da ritenersi compatibile solo se è possibile trovare un pacchetto specifico adatto. Procedura Scaricare il pacchetto base e quello specifico per la ROM sul telefono; da telefono spento, premere il tasto volume+ e quello power per entrare in recovery; eseguire il flash del pacchetto specifico; eseguire il flash di "volte.zip" pulire Cache e Dalvik; riavviare il device. Fonte
  3. Un saluto a tutti i lettori del forum di GizChina.it! Oggi sono qui per mostravi una semplice guida su come ripristinare l'IMEI al vostro Xiaomi Redmi Note 3 (variante MediaTek). Potrete trovare tutte le descrizioni e premesse nell'articolo sul nostro sito GizChina.it, reperibile al seguente link. In primo luogo vogliamo ringraziare gli sviluppatori muz_paray e feds64 del forum ufficiale di Xiaomi. ATTENZIONE: è doveroso da parte nostra ricordarvi che lo staff di GizChina.it non si assume responsabilità relative ad eventuali danni sul proprio dispositivo dovuti all'esecuzione impropria delle seguenti indicazioni. La situazione in cui ci troviamo risulterà questa: A questo punto vi sono due possibilità, la prima è di essere in possesso della scatola (dove è riportata l'IMEI), la seconda non possedere o aver perso la scatola. Se fate parte del primo caso, potete saltare la prima parte della procedura e partire direttamente con la seconda. PARTE 1: 1. Estrarre il carrellino delle SIM; 2. utilizzate un oggetto acuto (qualcosa che somigli ad un plettro ad esempio) per estrarre la cover in metallo come nella seguente figura; 3. delicatamente lasciate scorrere l'oggetto intorno al perimetro del device; 4. con la stessa delicatezza rimuovete la backcover; 5. controllate l'IMEI riportato in basso alla batteria; 6. riposizionate al proprio posto la backcover, assicurandovi che tutti gli incastri siano posizionati bene ed il lettore delle impronte funzioni; PARTE 2: 1. accedete al dialer e digitate il codice *#*#3646633#*#*; 2. Vi apparirà la schermata dell'engeneer mode, voi selezionerete "Connectivity" -> "CDS Information" -> "Radio Information" -> "Phone1"; 3. nel campo superiore scrivete, " AT +EGMR=1,7,"IMEI" ", facendo attenzione ad inserire lo spazio dopo AT, altrimenti verrà considerato come un comando errato; 4. tappate su "SEND AT COMMAND"; 5. andate indietro; 6. tappate "Phone2"; 7. nel campo superiore scrivete " AT +EGMR=1,10,"IMEI" "; 8. tappate su "SEND AT COMMAND"; 9. uscite e riavviate il device; 10. controllate il vostroIMEI digitando *#06# nel dialer; 11. finito! Avete appena reimpostato l'IMEI senza scomodarvi ad andare a cercare il vostro scatolo. Ne approfitto a ringraziarVi per la vostra attenzione e vi invito, inoltre, a passare sul nostro portale GizChina.it, ma anche nel portale gemello Gizblog.it, dove potrete essere informati su notizie che riguardano il mondo della tecnologia a 360 gradi. Vi aspettiamo! Per eventuali domande e perplessità resto a vostra completa disposizione. Un saluto. Cosimo Rizzo Fonte: MIUI.com
  4. In questo nuovo tutorial andremo a vedere come installare la recovery TWRP e, successivamente, ottenere i permessi di root sullo Xiaomi Mi Note 2. Il terminale dovrà avere il bootloader sbloccato e questo porterà ad un problema con la criptazione del terminale. Per risolvere tale problema bisognerà eseguire un "wipe" della partizione "data" con relativa perdita dei dati personali. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo ad utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si ritiene responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI ​Bootloader Sbloccato; Driver ADB e Fastboot; Recovery TWRP; Magisk; Phh SuperUser; Magiskmanager. PROCEDIMENTO Scarichiamo ed installiamo i driver ADB e Fastboot; scarichiamo il file della recovery e rinominiamolo in "TWRP.img"; copiamo il file della recovery nella stessa cartella di installazione dei diver fastboot; attiviamo il "Debug USB" e riavviate lo smartphone in "fastboot mode": da telefono spento tenete premuti contemporaneamente "VOL-" e il "tasto di accensione" fino all'apparizione del logo fastboot; connettiamo lo smartphone al computer ed attendiamo l'installazione dei driver; apriamo il prompt dei comandi di Windows e rechiamoci nella cartella dove abbiamo installato fastboot; scriviamo il comando per verificare il corretto riconoscimento dello smartphone: fastboot devices se nell'elenco comparirà il vostro no procedete con la guida; in caso contrario bisognerà reinstallare i driver fastboot; dal prompt dei comandi digitate: fastboot flash recovery TWRP.img​ se avete eseguito tutto correttamente avverrà il flashing della recovery che richiederà pochi secondi; riavviate il dispositivo in recovery e tappate la voce "Wipe"; selezionate "Format Data" e digitate "Yes"; copiamo nella memoria dello smarpthone i files di Magisk (Magisk, Phh Super user ed il Magisk manager); facciamo un tap su "install" e, dal file manager, selezioniamo il file di Magisk copiato precedentemente; effettuiamo uno swipe su "Install" per far partire l'installazione; eseguiamo la stessa identica operazione per il Phh SuperSu; terminata l'installazione riavviamo lo smartphone e rechiamoci, con il file manager della MIUI, nella cartella dove abbiamo copiato i files di Magisk e procediamo con l'installazione del Magisk's Manager; concludiamo la procedura recandoci nel PlayStore ed installando il PhhSuperSu. Fonte: MIUI FORUM
  5. In questo nuovo tutorial andremo a vedere come installare la recovery TWRP ed ottenere i permessi di root sul nuovissimo Xiaomi Mi Mix. Il terminale dovrà avere il bootloader sbloccato e questo porterà ad un problema con la criptazione del terminale. Per risolvere tale problema bisognerà eseguire un "wipe" della partizione "data" con relativa perdita dei dati personali. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo ad utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si ritiene responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI Bootloader Sbloccato; Driver ADB; Recovery TWRP (o questa versione modificata se utilizzate il firmware internazionale); SuperSU. PROCEDIMENTO Scarichiamo il file della recovery e rinominiamolo in "twrp.img"; copiamo il file "twrp.img" nella stessa cartella dove abbiamo precedentemente installato i driver ADB; scarichiamo il file di SuperSu e copiamolo nella memoria del telefono; attivate il "Debug USB" e riavviate lo smartphone in "fastboot mode": da telefono spento tenete premuti contemporaneamente "VOL-" e il "tasto di accensione" fino all'apparizione del logo fastboot; connettiamo lo smartphone al computer ed attendiamo l'installazione dei driver; apriamo il prompt dei comandi di Windows nella cartella dove abbiamo installato fastboot tenendo premuto il tasto SHIFT della tastiera e facendo click col il tasto destro del mouse in un punto vuoto; scriviamo il comando per avviare la procedura di flashing della recovery: fastboot flash recovery twrp.img al termine del flash della recovery, che richiederà pochi secondi, digitiamo il comando per avviare la TWRP: fastboot boot twrp.img dalla recovery TWRP facciamo un tap su "install" e, dal file manager, selezioniamo il file di SuperSu copiato precedentemente; effettuiamo uno swipe su "Install" per far partire l'installazione; al termine riavviamo lo smartphone per completare la procedura. Fonte: XDA
  6. Un saluto a tutti i lettori del forum di GizChina.it! Oggi sono qui per mostravi una semplice guida passo-passo, su come installare la custom recovery TWRP 3.0 ed applicare i permessi di ROOT sul vostro Xiaomi Redmi Note 3 Pro. Potrete trovare tutte le descrizioni e premesse nell'articolo sul nostro sito GizChina.it, reperibile al seguente link. In primo luogo vogliamo ringraziare lo sviluppatore kenzo che ha creato una versione della celebre custom recovery TWRP 3.0 per questo device. ATTENZIONE: è doveroso da parte nostra ricordarvi che lo staff di GizChina.it non si assume responsabilità relative ad eventuali danni sul proprio dispositivo, dovuti dall’installazione errata, ad un uso improprio della custom recovery TWRP 3.0 e dei permessi di ROOT. Prima di cominciare avremo bisogno però di effettuare delle operazioni preliminari, dovrete quindi: Equipaggiare il vostro Xiaomi Redmi Note 3 Pro (Snapdragon 650) con la ROM MIUI Stable 7.2 (versione cinese); sbloccare il bootloader (consultate questa guida); avere un PC con windows 7/8/10 (32/64-bit); attivare lo sblocco OEM nelle impostazioni sviluppatore (Impostazioni > Impostazioni aggiuntive > Opzioni sviluppatore > Sblocco OEM); attivare l’USB debug (Impostazioni > Impostazioni aggiuntive > Opzioni sviluppatore > Debug USB). Successivamente dovrete preparare alcuni files: Scaricate ed installate (se non li avete già) sul vostro PC gli Universal ADB driver; scaricate e scompattate il file (TWRP3.0_RN3_SD_fens64.zip)in una cartella sul vostro Desktop; scaricate e copiate il file “zip” (UPDATE-SuperSU-v2.65.zip)all’interno della micro-SD o del vostro dispositivo; Una volta effettuate queste operazioni possiamo passare all'installazione della custom recovery TWRP 3.0: 1. Aprite la cartella dove avete appena scompattato il file TWRP3.0_RN3_SD_fens64 ed avviate il file Flash_TWRP3SD.bat; 2. dovrete quindi seguire i passaggi elencati nella schemata che vi apparirà una volta eseguito il file Flash_TWRP3SD.bat; 3. una volta terminato il processo di installazione, il device effettuerà un riavvio. Nota: assicuratevi che la recovery abbia settato la partizione “system” come sola lettura, in modo da poter ricevere aggiornamenti via OTA in futuro. Passiamo ora all'instllazione dei permessi di ROOT : 1. Dal menù principale, selezionate la voce “Select Zip File” e cercate il file zip che avete copiato nella micro-SD o nella memoria del telefono, quindi effettuate uno swipe per installarlo; 2. a processo terminato, premere sulla voce “Reboot System”; 3. installate l’app SuperSU di Chainfire dal Play Store o scaricatelo dal seguente link; 4. avviatela e date il consenso alla stessa, per far si che nei successivi aggiornamenti delle ROM MIUI, non venga eliminata; 5. effettuate un controllo installando ed avviando Root Checker; 6. Avete installato con successo TWRP 3.0 ed avete garantito i permessi di ROOT al vostro Xiaomi Redmi Note 3 Pro! Ne approfitto a ringraziarVi per la vostra attenzione e vi invito, inoltre a passare sul nostro portale GizChina.it, ma anche nel portale gemello Gizblog.it, dove potrete essere informati su notizie che riguardano il mondo della tecnologia a 360 gradi. Vi aspettiamo! Per eventuali domande e perplessità resto a vostra completa disposizione. Un saluto. Cosimo Rizzo Fonte: Forum MIUI.com
  7. In questo tutorial vi spiegheremo come poter ottenere i permessi di root per lo Xiaomi Redmi 3 senza PC e sblocco bootloader. Per maggiori informazioni potete andare all’articolo di riferimento che trovate su Gizchina.it. ATTENZIONE: è doveroso da parte nostra ricordarvi che lo staff di GizChina.it non si assume responsabilità relative ad eventuali danni sul proprio dispositivo dovuti all'esecuzione impropria delle seguenti indicazioni. Download Root_Xiaomi_Redmi3.apk : https://mega.nz/#!lF1znBRb!eu9gf7TOKjI3Pp4s7SjpCcdgwZMSqZeNvu8xIngWcwQGuida Attivare il Debug USB; andare in Impostazioni > Impostazioni aggiuntive > Privacy e qui attivare Origini sconosciute; scaricare il file Root_Xiaomi_Redmi3.apk che trovate nella sezione Download e installarlo sul telefono; aprire e premere su Root e attendere la fine del procedimento; ora dovreste avere i permessi di root sul vostro smartphone. Fonte
  8. In questo nuovo tutorial andremo a vedere come effettuare correttamente un backup del nostro IMEI e della NVRAM sullo Xiaomi Redmi Note 3 Pro. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI Windows 7, 8, 8.1 o 10 a 64bit; QPST 2.7; Drivers; ADB e Fastboot Driver. PROCEDIMENTO Scarichiamo ed installiamo i drivers Qualcomm con il software QPST. Al termine riavviamo il computer; abilitiamo il "Debug USB" dal menu sviluppatore attivabile premendo 7 volte sul numero di build presente nelle informazioni del telefono; colleghiamo lo smartphone al computer; dovrebbe comparire un popup sul computer che ci avvisa del collegamento di un dispositivo di diagnostica Qualcomm; se ciò non dovesse accadere aprite il prompt dei comandi di Windows e digitate: adb shell su setprop sys.usb.config diag,adb Apriamo il software "QPSTConfiguration" ed aggiungiamo una nuova porta selezionando "Port", "Add new port" e inseriamo il nome della porta (che potrebbe essere ad esempio COM 5, dipende da come viene visualizzata nel gestore delle periferiche di Windows); Premiamo adesso su "Start Clients", "Software Download" e successivamente "Backup"; Diamo un nome al file che andremo a creare e la cartella di destinazione del backup; premiamo "Start"; IMPORTANTE: Per nessuna ragione al mondo dovrete disconnettere il telefono dal computer per il tempo della durata della procedura; al termine della procedura vi ritroverete con un file "xqnc" sul vostro computer contenente il vostro numero IMEI e la configurazione della NVRAM. Fonte: XDA
  9. In questo nuovo tutorial andremo a vedere come ottenere i permessi di root ed installare la recovery TWRP per lo XIaomi Redmi 3S. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI Bootloader Sbloccato; Driver ADB e Fastboot; Recovery TWRP; SuperSU. PROCEDIMENTO Scaricate e scompattate sul computer il pacchetto della recovery TWRP; scaricate e copiate sulla memoria del telefono il file di SuperSu; attivate il "Debug USB" e "OEM Unlock" sul Redmi 3S e riavviatelo in "fastboot mode": da telefono spento tenete premuti contemporaneamente "VOL-" e il "tasto di accensione" fino all'apparizione del logo fastboot; collegate lo smartphone al computer ed entrate nella cartella della recovery TWRP scompattata in precedenza; avviate il file "twrp-installer.bat"; Premiamo "enter" ed attendiamo il riavvio dello smartphone nella recovery TWRP; Facciamo un tap su "install" e, dal file manager, selezioniamo il file di SuperSu copiato precedentemente; effettuiamo uno swipe su "Install" per far partire l'installazione; al termine riavviamo lo smartphone per completare la procedura. Fonte: GIZDEV
  10. In questo tutorial andremo a vedere come sbloccare correttamente nuove bande sullo Xiaomi Mi 5 e Mi Max. Grazie a questa mod verranno sbloccate le seguenti bande: B1 2 3 4 5 7 8 11 17 18 26 28 38 39 40 41. Purtroppo la nota banda 20, diffusa in Europa, non rientra nella lista. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo ad utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si ritiene responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI ROM China Delevoper; Permessi di root; Pacchetto mod; File Restore (da scaricare e scompattare). PROCEDIMENTO Scaricate il pacchetto della mod e scompattatelo sul computer; entrate nella cartella "Mi5_Qualcomm_Drivers" ed installate i driver del Mi 5 premendo col tasto destro sul file "qcmdm" e selezionando "Installa"; terminata l'installazione dei driver installiamo QPST 2.7.434; al termine dell'installazione chiamiamo, dal dialer del Mi 5, il numero *#*#717717#*#* per aprire un menu segreto dal quale poi dovremo aprire la porta COM; aperta la porta connettiamo il Mi 5 al computer; apriamo il software "QPST Configuration" installato precedentemente ed assicuriamoci che lo smartphone venga riconosciuto correttamente; dal menu "Start Clients", selezioniamo la voce "Software Download"; dalla nuova schermata selezioniamo il tab "Restore" e mettiamo come file xQCN il percorso del file di restore scaricato e scompattato in precedenza; spuntiamo la voce "Allow phone/file ESN Mismatch" ed avviamo la procedura; al termine riavviamo lo smartphone e verifichiamo, tramite "Network Signal Guru", se lo sblocco è avvenuto correttamente. Fonte: MIUI FORUM
  11. In questo tutorial andremo a vedere come ottenere i permessi di root sullo Xiaomi Redmi Pro. Per ottenere i permessi di root sarà indispensabile avere gia installata la recovery TWRP ed avere il bootloader sbloccato. La procedura descritta potrà essere applicata su qualsiasi ramo di sviluppo della MIUI che sia developer o stabile. Inoltre si potranno ottenere i permessi di root anche sulle custom ROM come quella di Xiaomi.eu o di MIUI Italia. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo ad utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si ritiene responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI Bootloader sbloccato (per sbloccare il bootloader potete seguire la nostra guida); Recovery TWRP; SuperSU. PROCEDIMENTO Scarichiamo e copiamo nella memoria del telefono il file di SuperSu; riavviamo in recovery TWRP; Facciamo un tap su "install" e, dal file manager, selezioniamo il file di SuperSu copiato precedentemente; effettuiamo uno swipe su "Install" per far partire l'installazione; al termine riavviamo lo smartphone per completare la procedura.
  12. Salve a tutti ragazzi, come vi abbiamo già anticipato sul nostro blog Gizchina.it, nel modding può accadere prima o poi di imbattersi in un hard brick del proprio dispositivo. Quest'oggi andremo a vedere come risolvere questa situazione in caso siate in possesso di uno Xiaomi Redmi Note 3 Pro. Per fare tutto ciò bastano solamente 7 passi. Attenzione: ricordiamo che lo staff di GizChina.it non si assume alcuna responsabilità per eventuali danni ai vostri terminali attribuibili alle procedure di modding descritte nei nostri tutorial. Procedete con il disassemblaggio del vostro dispositivo. In caso vi servisse una mano potete seguire la videoguida disponibile a questo link; Scollegate delicatamente tutti i cavi, compresi i cavi flat; Smontate la parte in plastica nera nella parte superiore ed estraete la scheda madre. Inoltre, tra la scheda madre e il body troverete un nastro di rame, estraete delicatamente anche quello. Riconnettete solamente la batteria, il display e l'USB; Connettete il telefono al PC, aprite Mi Flash e preparate la ROM da flashare successivamente; Connettete i pin come nella foto seguente: Ora tenete collegati i pin. Quando il vostro smartphone partirà in EDL/Download Mode potrete, quindi, procedere al flash seguendo gli stessi passaggi della nostra guida per il soft brick (da seguire partendo dalla sezione dedicata all'installazione dei driver). Finalmente potrete tornare ad usare il vostro Xiaomi Redmi Note 3 Pro! Speriamo di esservi stati di aiuto e vi invitiamo a partecipare alla discussione, a segnalarci le vostre esperienze con le procedure descritte, interagire con la nostra community e chiedere o fornire aiuto. Fonte: MIUI.com
  13. Ecco come flashare una ROM e ripristinare lo Xiaomi Redmi 3. ATTENZIONE: è doveroso da parte nostra ricordarvi che lo staff di GizChina.it non si assume alcuna responsabilità relativa ad eventuali danni dovuti all'esecuzione delle seguenti indicazioni. Prima di iniziare con il tutorial vi ricordiamo che questa guida è stata testata su Windows a 64 bit, poiché con la versione a 32 bit potreste avere qualche problema imbattendovi nell'errore di memoria insufficiente per eseguire il comando. Inoltre, prima di effettuare il flash della ROM, è consigliabile effettuare un backup dei dati e verificare che la batteria del Redmi 3 abbia una carica sufficiente. Requisiti È necessario portare lo Xiaomi Redmi 3 nella modalità Download (non Fastboot Mode): Recatevi in Recovery Mode premendo contemporaneamente il pulsante Volume+ e il tasto di accensione; cliccate su Download; collegate il cavo USB al PC; installate i driver. Operazioni da PC Aprite Gestione Periferiche, dove troverete lo smartphone identificato come QHUSB_BULK sotto la sezione Com Ports; cliccate col tasto destro e selezionate Aggiorna Driver (è consigliabile disattivare la firma dei driver riavviando il PC in modalità avanzata e scegliere Disabilita firma dei driver); scegliete Browse My Computer per sezionare il driver; scegliete il percorso della cartella Xiaomi. La maggior parte degli utenti la troveranno in uno dei seguenti modi: Win 64 bit C: \ Program Files (x86) \ Xiaomi \ MiPhone \ Qualcomm \ Driver Win 32 bit C: \ Program Files \ Xiaomi \ MiPhone \ Qualcomm \ Driver Scegliete Installa il software del driver; attendere la fine dell'installazione; il driver verrà installato con successo così verranno rinominate le porte come Qualcomm HS-USB. Requisiti per il Flashing della ROM A questo punto siamo pronti per flashare il nostro Xiaomi Redmi 3. È possibile scegliere la ROM Fastboot a questo link o le China Stable (V7.2.6) e China Developer (6.3.31); N.B. Nel caso in cui il link non funzioni, inserire la lettera "o" a posto dello Zero prima dell'indirizzo Web. Scaricare il Flash Tool (versione 20151028) al seguente link. N.B. Vi ricordiamo ancora una volta di effettuare il backup dei dati e caricare al 100% la batteria dello Xiaomi Redmi 3. Flashare la ROM Scaricare la ROM preferita dai link postati in precedenza ed estraetela sul Desktop (utilizzare il software adatto, ad esempio WinRAR); verificate che l'estensione del file sia .tgz. Rinominate il file in .tgz se è .gz o .tar nel caso in cui non lo sia. N.B. Alcuni utenti ottengono un errore durante l'estrazione sul desktop poiché non c'è abbastanza spazio nel nome utente del PC o nella cartella. A questo punto, dovrete inserire la ROM nell'unità C:/ in una cartella senza spazi (ad esempio, C:/ROM/MIUI); scaricate il Flash Tool ed installatelo; una volta completata l'installazione, avviare il programma Mi Flash; cliccate su Browse (Sfoglia); selezionate la cartella della ROM dal desktop (oppure la posizione in cui è stata salvata). La cartella della ROM MIUI deve contenere i seguenti file: Premete il pulsante Refresh (Aggiorna) per far riconoscere il dispositivo al programma; dopo aver premuto il pulsante Refresh, vedrete il dispositivo collegato come COM 30; scegliete l'opzione Flash_all; cliccate su Flash e a questo punto il processo inizierà. Una volta che il processo è stato completato, rimuovete il cavo USB dallo smartphone e premete il pulsante di accensione fino a quando il terminale non emetterà una vibrazione. Al primo avvio, il Redmi 3 può richiedere fino a 10 minuti, aspettate fino al completamento. Fonte: Miui.com
  14. In questo nuovo tutorial andremo a vedere come abilitare le Camera2 API sullo Xiaomi Redmi Note 3 Pro. La guida richiede i permessi di root per essere eseguita, in quanto si avrà la necessità di modificare file di sistema altrimenti inaccessibili. La procedura funziona senza problemi su MIUI 8, ma manda in crash l'applicazione fotocamera su MIUI 7. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI Build.prop Editor; Manual Camera; Root. PROCEDIMENTO Scaricate ed installate "Build.prop editor"; avviatelo e concedetegli i permessi di root; aggiungete il comando "persist.camera.HAL3.enabled=1"; salvate le modifiche e riavviate lo smartphone; scaricate dal Playstore "Manual Camera" e tramite il suo integrato verificate la presenza delle nuove API. Fonte: XDA
  15. In questo nuovo tutorial andremo a vedere come migliorare la gestione della RAM della MIUI sullo Xiaomi Mi 5. IMPORTANTE: La procedura descritta in questo tutorial presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI Permessi di root; Build.prop editor. PROCEDIMENTO Apriamo "Build.prop editor" e concediamogli i permessi di root; Aggiungiamo la stringa per disabilitare il "service killer" della MIUI: sys.config.samp_spcm_enable=false Ora passiamo alle stringhe per migliorare la gestione della RAM: sys.config.samp_enable=false ro.config.fha_enable=true ro.sys.fw.use_trim_settings=false Ora, dal "menu sviluppatori", selezioniamo alla voce "Ottimizzazione memoria di sistema" la voce "Medio". Fonte: FORUM MIUI
  16. In questo nuovo tutorial andremo a vedere come installare la Cyanogenmod sul nostro Xiaomi Redmi Note 3 Pro. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al device. AVVERTENZA: L'INSTALLAZIONE DELLA CYANOGENMOD RIBLOCCHERA' IL BOOTLOADER. PREREQUISITI Bootloader Sbloccato; Recovery TWRP gia installata sullo smartphone; Nuova recovery TWRP con EFS SUPPORT; ROM CyanogenMOD 13; Google Apps (selezionando arm64, 6.0, pico). PROCEDIMENTO Scaricate tutti i file necessari e copiateli nella memoria del telefono; Riavviamo lo smartphone in recovery TWRP; Dalla recovery selezioniamo "Install" ed in basso a destra mettiamo la voce "Install Image"; Selezionate dal file manager il file della recovery copiato precedentemente ed effettuate il flash stando attenti a selezionare la voce "recovery"; Terminato il flash della nuova recovery riavviamo lo smartphone ed entriamo nuovamente in recovery; Seguento le istruzioni mostrate nell'immagine cambiamo la lingua dal cinese all'inglese; Selezioniamo "Backup" ed effettuiamo un backup completo della nostra ROM da copiare subito dopo sul computer riavviando lo smartphone ed eseguendo un copia/incolla della cartella TWRP presente sullo smartphone. L'operazione di backup ed il successivo copia/incolla richiederà qualche minuto; Terminato il backup riavviamo nuovamente lo smartphone in recovery mode e dal menu "Wipe" eseguiamo un "Factory Reset"; Terminata la procedura entriamo nel menu "Advanced Wipe" e selezioniamo tutte le voci fatta eccezione per "Internal Storage" e "MicroSD"; Terminato il "full wipe" torniamo nel menu principale della recovery e selezioniamo "Install"; Dal file manager selezioniamo il file della rom della CyanogenMOD ed eseguiamo il flash della rom; Terminato il flash della rom eseguiamo lo stesso per lo zip delle Google Apps; Torniamo nel menu "Wipe" ed eseguiamo il comando "Wipe Data" confermando il procedimento scrivendo "Yes"; Terminato il wipe riavviamo l smartphone e godiamoci la nostra nuova CyanogenMod. Fonte: MIUI FORUM
  17. Alessio Croce

    MIUI 8: Second Space

    Quella che oggi andremo a vedere probabilmente è la vera innovazione presentata dalla MIUI 8. Second Space permette di creare una seconda partizione nel nostro device con un'altra istanza della MIUI totalmente indipendente dalla prima. Le uniche cose che saranno condivise saranno le risorse hardware quali memoria (anche se verrà partizionata), RAM, batteria ecc.. Tutto ciò che riguarda la componente software sarà totalmente indipendente. Sarà come avere due smartphone totalmente scollegati tra loro nello stesso device. PREREQUISITI MIUI 8. PROCEDIMENTO Per creare una seconda partizione andate in "impostazioni", "Second Space"; Partirà la procedura guidata per creare il vostro "Second Space"; Impostate la password altrimenti andate avanti; Se volete potete importare le foto presenti nello space principale; Successivamente vi chiedera se vorrete importare i vostri files sul secondo spazio; Uguale per le app solo che in questo caso potete scegliere singolarmente per le app se usare nel primo space, secondo od entrambi; Avrete completato la configurazione di "Second Space"; Ora possiamo entrare nel nostro "second space". Alternativamente potrtete "switchare" gli spaces tramite la tendina delle notifiche; Per eliminare il second space basterà cliccare sull'icona in alto a destra e selezionare "Elimina Second Space"; Se dal second space entreremo in "Impostazioni", "Second Space", potremmo modificare le impostazioni della nostra seconda partizione quali settaggi per la privacy, password o i settaggi per le app; Fonte: MIUI FORUM
  18. Alessio Croce

    MIUI 8: come clonare le app

    Una delle features più interessante apparsa con la MIUI 8 è sicuramente "Cloned Apps", ovvero la funzione che ci permette di avere due istanze aperte contemporaneamente della medesima applicazione sfruttando due account diversi. In parole povere saremmo in grado di "clonare" per esempio l' app di Whatsapp e di usarla contemporaneamente con entrambi i numeri delle due sim. Ciò è possibile non solo con Whatsapp ma con tutte le applicazioni che abbiamo installate sul dispositivo. PREREQUISITI MIUI 8 PROCEDIMENTO Entriamo nelle "impostazioni" e selezioniamo la voce "Cloned Apps"; verrà proposto un elenco con tutte le applicazioni installate; Scegliamo quella che vogliamo clonare; Ora che l'applicazione è clonata torniamo nell app drawer e scorriamo l'elenco delle app fino a trovare la nuova icona distinguibile grazie alla piccola iconcina in basso a sinistra; Apriamo l'app ed eseguiamo nuovamente la procedura di configurazione guidata del nostro nuovo, o secondo, account; Per disinstallare l'app clonata si dovrà tornare nel menu "Cloned Apps" presente in "impostazioni" e deflaggare la nostra app clonata. Fonte: MIUI FORUM
  19. In questo nuovo tutorial andremo a vedere come attivare sullo Xiaomi Mi 3 e Mi 4 il double tap to wake, ovvero quella funzione che permette il risveglio dello smartphone semplicemente colpendo due volte lo schermo. Per attivare la funzione avremo bisogno di flashare un custom kernel che porterà, oltre alla sopracitata funzione, anche diverse migliorie per quanto riguarda le prestazioni e la durata della batteria. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI Permessi di Root; recovery TWRP; custom Kernel: MIUI / rom AOSP; kernel Manager come Kernel Auditor. PROCEDIMENTO Copiate il custom kernel sulla memoria del telefono; riavviate lo smartphone in recovery mode; fate "tap" su "Install" e selezionate il file appena copiato; terminato il flash effettuate un wipe della "cache" e "dalvik cache". riavviate lo smartphone: installate un software per il controllo del kernel come "Kernel Auditor"; cercate la voce per il DT2W ed attivatela. Il DT2W funzionerà solo sulla metà inferiore dello schermo. Fonte: XDA
  20. In questo nuovo tutorial andremo a vedere come installare sullo Xiaomi Mi 5 la MIUI ufficiale Global v. 6.5.30 contenente la lingua italiana. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI MIUI 7 v. 6.5.30 per il "system update" o MIUI 7 v. 6.5.30 per il "fastboot". MiFlash Tool. PROCEDIMENTO - System Update Copiate il file della ROM sul nostro dispositivo; aprite l'app System Update; selezionate "Choose update package"; tramite il file manager cercate il file della rom copiato in precedenza; attendete l'installazione della rom; terminata l'installazione consigliamo di effettuare un ripristino delle impostazioni iniziali. PROCEDIMENTO - Fastboot Scompatatte la ROM scaricata in precedenza fino ad ottenere una cartella con dentro i file necessari al flash: Per comodità consigliamo di copiare spostare i file in una cartella dedita allo scopo dentro "C:" andandola a chiamare "MIUIROM" senza spazi e virgolette; avviate "MiFlash" scaricato ed installato in precedenza; premete su "Browser" e date il percorso dove avete copiato la ROM (se avete seguito il nostro consiglio è la cartella "MIUIROM") e successivamente premete su "Refresh" per far riconoscere il vostro dispositivo al tool; selezionate il checkbox "Flash all" presente in basso; premete su "Flash" ed attendete la fine del processo; una volta completata la procedura staccate il telefono dal cavetto USB e tenete premuto il tasto di accensione. Il primo avvio potrebbe durare più di 10 minuti. Durante il "flashing" non toccate assolutamente il device, e non staccatelo dal cavetto USB per evitare il brick.
  21. Alessio Croce

    Installare la recovery TWRP

    In questo nuovo tutorial andremo a vedere come installare la recovery TWRP 3.0.0.0 in inglese sul nostro Xiaomi Mi 4c. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI Mi 4c con bootloader sbloccato; PC e cavo USB; Driver ADB e Fastboot (trovate la nostra guida rapida qui); Recovery TWRP. PROCEDIMENTO (installazione pulita) Scaricate l'archivio contenente il file .img della recovery e scompattatelo sul vostro computer; attivate il "Debug USB" sul Mi 4c e riavviatelo in "fastboot mode": da telefono spento tenete premuti contemporaneamente "VOL-" e il "tasto di accensione" fino all'apparizione del logo fastboot; connettete il device al computer tramite cavetto USB; aprite il prompt dei comandi ed andate nella directory di installazione di "fastboot"; scrivete questo comando per verificare che il device sia riconosciuto via "fastboot": fastboot devices posizionate il file "recovery.img" nella stessa cartella di fastboot; digitate nel prompt dei comandi questo codice: fastboot flash recovery recovery.img se avete eseguito tutto correttamente avverrà il flashing della recovery che richiederà pochi secondi; finita la procedura di flashing digitate quest'ultimo comando: fastboot reboot PROCEDIMENTO (aggiornamento recovery) Se sul vostro smartphone è gia presente la recovery TWRP copiate il file .img della recovery scompattato in precedenza nella memoria del telefono e riavviate in recovery TWRP; fate un "tap" su "Install" e cambiate la voce ".zip" in ".img"; selezionate ora dal file manager la recovery TWRP copiata in precedenza; terminato il flash riavviate lo smartphone. Fonte: FORUM MIUI
  22. In questo nuovo tutorial andremo a vedere la procedura per permettere al nostro Xiaomi Mi 4c di registrare video in risoluzione 4K. PREREQUISITI Recovery TWRP; Snapdragon Camera; librerie Snapdragon Camera. PROCEDIMENTO Copiamo l'apk della Snapdragon Camera e il file .zip delle librerie sulla memoria del telefono; riavviamo lo smartphone in "recovery mode" tenendo premuto "VOL+" con il tasto di accensione; dalla recovery facciamo un "tap" su "Install" e selezioniamo il file delle librerie copiato precedentemente; finito il flash delle librerie riavviamo lo smartphone; apriamo il file manager del telefono ed installiamo la Snapdragon Camera; per registrare in 4K effettuate uno "swipe" verso destra per aprire il menu; cambiate la risoluzione video in 4K UHD o 4K DCI (4K reali). Fonte: FORUM MIUI
  23. Alessio Croce

    Installare Xposed Framework

    In questo tutorial andremo a vedere come installare Xposed Framework sul nuovo Xiaomi Mi Max. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI Bootloader sbloccato; Recovery TWRP e permessi di root; testato sulla MIUI 7.3.15.0 stabile ma potrebbe funzionare anche sulle dev; Xposed Installer; librerie Xposed. PROCEDIMENTO Copiate l' apk di Xposed nel telefono e tramite il file manager della MIUI installatelo; copiate le librerie Xposed nella memoria del dispositivo; riavviare il device in recovery; (opzionale) effettuate un backup; fate un "tap" su "Install" e selezionate il file appena copiato; finito il flash effettuate un wipe della cache e dalvik cache; riavviate il device; avviate Xposed dalla sua icona nel drawer. Fonte: MIUI FORUM
  24. In questo nuovo tutorial andremo a vedere come installare sullo Xiaomi Mi 5 e Mi Max il pacchetto completo delle applicazioni Google, con relative librerie e file di sistema, in pochi e semplicissimi passaggi. PREREQUISITI Computer; installer Google Apps. PROCEDIMENTO Attivate, da "developer options", la voce "Debug USB"; aprite l'app "Security" e andate in "Permission"; in alto è presente l'icona di un ingranaggio: cliccatela per aprire le impostazioni; spuntate la voce "Install via USB"; collegate lo smartphone al computer; scompattate il pacchetto delle Gapps scaricato in precedenza ed avviate il file "Google Apps.exe"; premete "Invio" per far partire l'installazione. Fonte: FORUM MIUI
  25. Alessio Croce

    Usare la funzione "Salva come PDF"

    Tutti gli smartphone con sistema MIUI hanno la possibilità di salvare i file in formato PDF. Vediamo insieme come abilitare tale funzione. PREREQUISITI Smartphone dotato di sistema operativo MIUI; PROCEDIMENTO Aprite le "Impostazioni"; andate in "Applicazioni" e selezionate il tab "Tutte"; scorrete l'elenco delle applicazioni fino a trovare "Documenti"; aprite "Documenti" e fate un tap su "Attiva"; aprite il file o la pagina che si desidera salvare come PDF; selezionate "Stampa" e successivamente "Salva"; si aprirà un menu laterale. Selezionate "Download"; a questo punto premete su "Salva" ed avrete il vostro file in PDF. Fonte: MIUI FORUM
×