Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'redmi note 4'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Primi passi
    • Presentazioni
    • Comunicazioni dallo Staff
    • Suggerimenti & Proposte
  • Smartphone
    • Nubia
    • Xiaomi
    • Lenovo
    • Huawei
    • LeTV / LeEco
    • OnePlus
    • 360
    • Oppo
    • Smartisan
    • Meizu
    • ASUS
    • Vivo
    • Altri Brand
  • SmartWatch and SmartHome
    • Xiaomi - Huami Amazfit
    • Wear OS By Google
    • Altri Brand
  • Tablet e Ultrabook
    • Chuwi
    • Cube
    • Huawei
    • Onda
    • Pipo
    • Teclast
    • Xiaomi
    • Altri Brand Tablet
  • Stampa 3D
    • Discussioni generali
    • Stampanti 3D
  • Teardown
    • I Nostri Teardown
  • Sistemi Operativi
    • Android
    • Microsoft
    • Ubuntu Linux
    • Leaked ROM
  • Off Topic
    • Discussioni Android
  • Mercatino
    • VENDO
    • COMPRO
    • SCAMBIO
  • Store
    • Codici sconto

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Città 


Interessi


Smartphone in uso

Found 9 results

  1. In questo tutorial andremo a vedere come installare la recovery TWRP, e successivamente i permessi di root, sullo Xiaomi Redmi Note 4 SnapDragon. Come sempre ricordiamo che per effettuare tali procedure è indispensabile avere il bootloader sboccato. Con l'installazione della recovery TWRP è possibile successivamente effettuare anche il cambio della ROM ad una orientata più verso il nostro paese come quella proposta dal team di Xiaomi.eu che offre aggiornamenti settimanali in quanto i lavori vengono effettuati sulla rom China Dev includendo al suo interno ottimizzazioni specifiche per l'europa che la rendono attualmente una delle migliori versioni della MIUI attualmente disponibili. Ottenendo invece i permessi di root sarà possibile ripulire il proprio smartphone da tutto il bloatware presente e che purtroppo non è possibile rimuovere altrimenti, oltre che alla possibilità di installare funzionalità aggiuntive quali il blocco della pubblicità, degli engine per rendere il sistema più fluido e meno avido di risorse o addirittura migliorare il funzionamento dei vari componenti, come la fotocamera o il chip audio, grazie all'installazione di tweak e mod studiati appositamente per rendere il dispositivo più performante. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. PREREQUISITI Bootloader Sbloccato; Driver ADB Xiaomi instalati; immagine TWRP; SuperSU; Lazyflasher no-verity-opt-encrypt. PROCEDIMENTO Scarichiamo la recovery TWRP ed i files necessari al root del dispositivo; dallo smartphone abilitiamo il "debug USB" e l' "OEM Unlock" dal menu sviluppatori raggiungibile premendo 7 volte sul numero di build presente nelle info del telefono; colleghiamo lo smartphone al computer ed apriamo al cartella precedentemente scompattata; in un punto vuoto della cartella, tenendo premuto il pulsante SHIFT della tastiera, facciamo click con il tasto destro e selezioniamo la voce "apri finestra di comandi qui"; comparirà una finesra di comando dove dovremo digitare il seguente comando per entrare in modalità fastboot: adb reboot bootloader il telefono si riavvierà mostrando la mascotte Xiaomi intenta a riparare il robottino di Android. Questa schermata indica l'accesso alla modalità fastboot. Digitiamo il comando per il flash della recovery: fastboot flash recovery recovery-mido.img per renderla permanente dovremmo effettuare il boot manuale mediante questo comando fastboot: fastboot boot recovery-mido.img una volta entrati nella recovery TWRP potremmo riavviare normalmente lo smartphone, ma alcuni hanno riscontrato problemi: consigliamo dunque di effettuare subito il root; per effettuare il root del terminale copiamo i files “lazyflasher-no-verity-opt-encrypt.zip” e lo zip di SiperSU nella memoria del telefono; selezioniamo "Install" ed effettuiamo il flashing dei due files partendo prima dal “lazyflasher-no-verity-opt-encrypt.zip” e successivamente SuperSU; terminata la procedura di rooting riavviamo lo smartphone. Fonte: GizDev
  2. Fenix

    Ciao a tutti

    Salve, possiedo un Redmi note 4 3/32 (Snapdragon), spero di trovare una community veramente friendly.
  3. I modders hanno pochi obbiettivi, ma fissi: affinamento delle prestazioni, maggior controllo sui device e più possibilità di personalizzazione. Nel pieno solco di questa tradizione un utente del forum MIUI, rivolgendo il suo sguardo al comparto fotografico del suo "Mido" (nome in codice che identifica Xiaomi Redmi Note 4X e Redmi Note 4 con SoC Snapdargon) ha creato un'interessante camera mod. Questa mod fotografica, per iniziare, abilita la ripresa di video in 4K e una modalità manuale totalmente funzionante (tempo di esposizione, fuoco, bilanciamento del bianco) senza perdere la possibilità di utilizzare la modalità scena. A queste features si aggiunge poi la modalità Quick Snap di MIUI (ripresa di nascosto di foto e video), quella square (foto quadrate) e altre modifiche alla messa a fuoco nei video e agli scatti in modalità continua. Se questo assaggio delle potenzialità della mod vi ha incuriosito, ecco come installarla: Prerequisiti Xiaomi Redmi Note 4 Snapdragon o Redmi Note 4X; ROM compatibili: Stabili: MIUI : 8.1.x.0, 8.2.1.0, 8.2.2.0, 8.2.3.0; Developer: MIUI : v7.1.x, 7.2.x, 7.3.2, 7.3.9, 7.3.16, 7.3.23, 7.3.30; TWRP installata; pacchetto zip di installazione. Procedura Attenzione: alcuni utenti hanno avuto problemi di bootloop con la 8.2.2.0 IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Copiare il pacchetto zip nel telefono; riavviare il telefono in recovery (da spento premere contemporaneamente il tasto power e quello Volume + per un 5 - 10 secondi); andare su "Backup" ed effettuare un nandroid backup; tornare sulla pagina principale della recovery e dare un tap su "installa"; selezionare lo zip copiato al punto 1 e procedere all'installazione; riavviare e provare la mod. Per disinstallare la mod: Scaricare e copiare sul telefono questo uninstaller; seguire la stessa procedura utilizzata per installare la mod, al punto 5 selezionare l'uninstaller. Fonte
  4. La recovery TWRP è ormai diventata un punto di riferimento per tutti i modders e non stupisce, di conseguenza, che la community abbia rilasciato a tempo record un'immagine aggiornata alla versione 3.1.0 per Xiaomi Redmi Note 4 con SoC Snapdragon e per Redmi Note 4X. I due modelli del colosso cinese, lo ricordiamo, sono identici sotto molti aspetti e possono utilizzare le stesse ROM e le stesse recovery TWRP. In questa guida vi mostreremo dunque come installare l'ultima versione ufficiale della TWRP che porta in dote, tra le altre cose, il backup via ADB. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Prerequisiti Xiaomi Redmi Note 4 Snapdragon o Redmi Note 4X; bootloader sbloccato; tool di installazione. Procedura Andare su "Impostazioni-> Informazioni telefono" ed effettuare tap ripetuti su Versione MIUI per abilitare la modalità sviluppatore; tornare alle impostazioni, dovrebbe essere presente la voce "Opzioni sviluppatore"; entrare in "Opzioni sviluppatore" ed abilitare il debug USB; scaricare ed estrarre il tool sul PC; avviare autorun.zip ed eseguire l'installazione (dare tutti yes); con telefono collegato al computer, eseguire "GizFlasher.bat" in modalità amministratore (presente nella cartella del tool); seguire le istruzioni a schermo. A questo punto il tool comanderà al telefono di entrare in modalità fastboot e installerà la recovery. Fonte
  5. In questo tutorial andremo a vedere come ottenere i permessi di root sullo Xiaomi Redmi Note 4. Per ottenere i permessi di root sarà indispensabile avere gia installata la recovery TWRP ed avere il bootloader sbloccato. La procedura descritta potrà essere applicata su qualsiasi ramo di sviluppo della MIUI che sia developer o stabile. Inoltre si potranno ottenere i permessi di root anche sulle custom ROM come quella di Xiaomi.eu o di MIUI Italia. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo ad utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si ritiene responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI Bootloader sbloccato (per sbloccare il bootloader potete seguire la nostra guida); Recovery TWRP; SuperSU. PROCEDIMENTO Scarichiamo e copiamo nella memoria del telefono il file di SuperSu; riavviamo in recovery TWRP; facciamo un tap su "install" e, dal file manager, selezioniamo il file di SuperSu copiato precedentemente; effettuiamo uno swipe su "Install" per far partire l'installazione; al termine riavviamo lo smartphone per completare la procedura.
  6. In questo nuovo tutorial andremo a vedere come installare la recovery TWRP sul nuovo Xiaomi Redmi Note 4 Nikel (MTK). Il terminale dovrà avere il bootloader sbloccato e questo porterà ad un problema con la criptazione del terminale. Per risolvere tale problema bisognerà eseguire un "wipe" della partizione "data" con relativa perdita dei dati personali. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo ad utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si ritiene responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI Bootloader sbloccato (per sbloccare il bootloader potete seguire la nostra guida); Driver ADB e Fastboot scaricabili da qui; Recovery TWRP. PROCEDIMENTO Scarichiamo il file della recovery e rinominiamolo in "recovery.img"; copiamo il file "recovery.img" nella stessa cartella dove abbiamo precedentemente installato i driver ADB; attivate il "Debug USB" e riavviate lo smartphone in "fastboot mode": da telefono spento tenete premuti contemporaneamente "VOL-" e il "tasto di accensione" fino all'apparizione del logo fastboot; connettiamo lo smartphone al computer ed attendiamo l'installazione dei driver; apriamo il prompt dei comandi di Windows e rechiamoci nella cartella dove abbiamo installato fastboot; scriviamo il comando per avviare la procedura di flashing della recovery: fastboot flash recovery recovery.img terminato il flash della recovery, che richiederà pochi secondi, digitiamo il comando per riavviare lo smartphone in recovery: fastboot boot recovery.img riavviamo lo smartphone per completare la procedura. Fonte: Miui Forum
  7. Premessa: nella mia via, i vicini sono soliti installare router/ripetitori senza minimamente configurarli, questi sfortunatamente inquinano e incidono sulla mia connessione. L'unica soluzione sarebbe accordarsi in modo che nessuno sovrascriva il canale altrui (banda 2.4 GHz). Mesi fa risolsi impostando la larghezza di banda a 20 MHz invece di 20/40 MHz, ma ultimamente sono sbucati fuori altri ripetitori e la situazione si è aggravata. Risulta quindi un problema che, se la fortuna vuole, risolverò solo tra qualche settimana. Ho recentemente acquistato uno Xiaomi Redmi Note 4 qualcomm (global version). Già in fase d'inizializzazione, ho notato che la mia connessione (router sitecom) non funzionava, ho approfittato momentaneamente della rete dei vicini e ho completato l'operazione. Ora, con il device impostato, ho ancora questo problema. Sono parzialmente riuscito a risolvere, nella configurazione del router, impostando le bande: b, g, b+g (stranamente funzionanti sul redmi, mentre non c'é verso che accetti b+g+n o solo n). Canale 13. La cosa strana è che, con il router dei vicini, impostato su b+g+n, funziona perfettamente! Ciò detto, nelle impostazioni risulta "Connesso senza internet", nell'app Sicurezza, in test velocità, pare che qualche app comunichi a velocità bassissime (infatti quando apro una pagina da Chrome, il caricamento risulta infinito e solo dopo poco mi restituisce un errore). Al momento sono su Global stable 8.2.10.0 (MCFMIDL), ho già ricevuto un aggiornamento OTA quindi credo sia la rom corretta. Pensavo che forse, passando alla Global developer, potrei risolvere il problema. Posso aggiornare tranquillamente da Updater? Sarebbe questa la pagina giusta per il mio Mido RN4? Avete mai riscontrato problemi simili? Grazie in anticipo.
  8. Lo sblocco del bootloader dei dispositivi Xiaomi non è sempre facile ed immediato come si potrebbe sperare. Molti Redmi Note 4, in particolare, sono rimasti incagliati in un errore di "account mismatch" che interrompe al 50% la procedura. In questa guida vi mostreremo un semplice trucco per superare il problema. Prerequisiti ROM China Developer, il "trucco" funziona anche sugli altri firmware ufficiali ma richiede qualche giorno in più. Procedura Accertatevi che la funzione "find device" sia attiva, in caso contrario abilitatela; Andate su Settings => Additional Settings => Privacy e abilitate Android Device Manager; Andate su i.mi.com ed accedete con l'account del vostro telefono (che avrete usato anche per richiedere il codice di sblocco); Attendete che il telefono venga trovato e assicuratevi che i dettagli coincidano. In nessun caso dovete selezionare "Alarm", "Lock" o Erase", rischiate di perdere tutti i vostri dati. Ora non dovreste più aver problemi nell'eseguire lo sblocco del bootloader seguendo la guida generica. Fonte: [en.miui.com]
  9. Molto spesso i venditori cinesi installano sui loro dispositivi ROM alterate, non ufficiali e non supportate dai produttori. Nel caso di Xiaomi il problema è particolarmente sentito in quanto queste ROM "farlocche" non permettono lo sblocco del bootloader e impediscono i normali aggiornamenti OTA. Dopo avervi mostrato la procedura generica per installare una versione ufficiale di MIUI sui dispositivi Xiaomi, oggi ci affideremo a SP Flash tool e ci focalizzeremo solo su due modelli dotati di SoC Mediatek: Redmi Note 4 e Redmi Pro. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Prerequisiti ROM ufficiale fastboot - link; PC con Windows 10 64 bit (consigliato); pacchetto SP tool + driver - link. Procedura Scaricate ed estraete tutti i file elencati nei prerequisiti; installate i driver contenuti in "MTK_Driver_Installer_.1352"; aprite la cartella "SP-FLASH-TOOL"; click con il destro su "flash_tool.exe" -> esegui come amministratore; su "Download agent" impostate "MTK_All_In_One.bin", si trova nella cartella si Sp flash tool; impostate lo scatter MTK6797, lo trovate nella cartella "images" della ROM che avete scaricato; togliete la spunta dalla voce "preloader"; click su "download"; collegate il telefono spento al computer premendo contemporaneamente il tasto volume -; apparirà una barra rossa, contate fino a cinque e rilasciate il tasto volume -; attendete il completamento dell'operazione e riavviate. Fonte
×