Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'ripristino'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Primi passi
    • Presentazioni
    • Comunicazioni dallo Staff
    • Suggerimenti & Proposte
  • Smartphone
    • Nubia
    • Xiaomi
    • Lenovo
    • Huawei
    • LeTV / LeEco
    • OnePlus
    • 360
    • Oppo
    • Smartisan
    • Meizu
    • ASUS
    • Vivo
    • Altri Brand
  • SmartWatch and SmartHome
    • Xiaomi - Huami Amazfit
    • Wear OS By Google
    • Altri Brand
  • Tablet e Ultrabook
    • Chuwi
    • Cube
    • Huawei
    • Onda
    • Pipo
    • Teclast
    • Xiaomi
    • Altri Brand Tablet
  • Stampa 3D
    • Discussioni generali
    • Stampanti 3D
  • Teardown
    • I Nostri Teardown
  • Sistemi Operativi
    • Android
    • Microsoft
    • Ubuntu Linux
    • Leaked ROM
  • Off Topic
    • Discussioni Android
  • Mercatino
    • VENDO
    • COMPRO
    • SCAMBIO
  • Store
    • Codici sconto

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Città 


Interessi


Smartphone in uso

Found 4 results

  1. L'incubo del brick è da sempre un tormento per ogni utente interessato al modding. Per fortuna esistono modalità di emergenza che permettono quasi sempre il recupero di terminali in stato di softbrick, spesso utilizzabili con l'aiuto di programmi sviluppati dal produttore del SoC o del dispositivo. In questa guida vi mostreremo i passi da seguire per riportare alla vita un device Nubia tramite il First Aids tools, software compatibile con gran parte dei prodotti dell'azienda cinese. Il programma, purtroppo, attualmente è disponibile solo in lingua cinese. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Prerequisiti Tool installato su un PC; cavo USB. Procedura Connettere il telefono Effettuare un backup Ripristinare un backup Unbrick Telefoni compatibili: Serie Z7: Z7 (NX506J), Z7 Max (NX505J), Z7 mini (NX507J) Serie Z9: Z9 (NX508J), Z9 Max (NX510J), Z9 mini (NX511J) My Prague (NX513J) Nubia M2 X6 (NX601J) Serie Z11: Z11, Z11 mini, Z11 Max, Z11 mini S Fonte
  2. Questa guida vi permette di ripristinare il vostro IMEI nel caso in cui si fosse corrotto, la procedura funziona solo per i modelli con processore Mediatek. Ricordiamo che la sostituzione del codice IMEI è una procedura illegale che, con questa guida, lo staff di GizChina.it e GizBlog.it non intende in alcun modo incoraggiare. La procedura qui esposta è quindi rivolta esclusivamente a chi intenda ripristinare il proprio IMEI originale, lo staff e la redazione del sito non si riterranno responsabili per un eventuale uso illecito. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Per iniziare - Dalle info del telefono verificate che effettivamente non vi sia più indicato l'IMEI - Scaricate i MTK USB driver da qui - Scaricate il tool MauiMETA_v9.1635.23 da qui ed installatelo -Scaricate il file BPLGUI da qui (OPZIONALE, estratto da ZenFone 3 Max) - Permessi di root Procedura - utilizzando un file manager con accesso al root del telefono andate nel path root > ETC > MDDB e copiate il file BPLGUInfoCustomAppSrcP nel vostro computer; - in caso non lo trovate potete usare quello fornito (potrebbe non funzionare su alcuni dispositivi) - Aprite MauiMeta e cliccate sul tasto Reconnect - Spegnete il telefono e connettelo al pc tramite cavo USB - Aspettate 20 - 60 secondi che il tool rilevi il dispositivo - Dal menu selezionate IMEI download - Dopo di chè dovrebbe apaprire una finestra di popup , da li selezionate "Change NVRAM Database file" - Poi cliccate sul botteno NO e selezionate il file BPLGUInfoCustomAppSrcP estratto in precedenza - Inserite i numeri dei due IMEI come riportato sulla scatola (solo le prime 14 cifre) - Cliccate su "Download to flash" e ad operazione completata potete riavviare il dispositivo Fonte GIZDEV
  3. A volte, dopo alcune operazioni di modding complesse, può accadere che il telefono perda il codice IMEI, numero seriale identificativo che ogni apparato GSM utilizza per registrarsi alla rete cellulare. Le rom come la MIUI richiedono questo codice per poter identificare il telefono e procedere con il login dell'account Xiaomi. In caso contrario restituisce un errore. Questa guida consente di ripristinare l'IMEI su TUTTI i telefoni dotati di processore Qualcomm Snapdragon, Xiaomi e di altri brand. Attenzione: la guida è pensata esclusivamente per il ripristino dell'IMEI originale del dispositivo, lo staff del forum e di GizChina.it non intende favorire eventuali usi non legali della procedura qui descritta (ad esempio cambio IMEI) e non si assume alcuna responsabilità di eventuali illeciti. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Prerequisiti: Device che monta CPU Snapdragon, questa guida non funziona per device MEDIATEK, Kirin,Exynos ecc... permessi di root; questo pacchetto zip; un PC. Passaggi necessari: All'interno dello zip troverete Qualcomm QPST Tool, l' IMEI Converter e dei file ADB. Installare il Qualcomm QPST Tool sul PC; abilitare il debug USB dello smartphone (impostazioni->opz. sviluppatore); connettere il telefono al PC; nella cartella di installazione, mantenendo premuto SHIFT, cliccate con il tasto destro e selezionate "apri finestra di comando qui"; digitate "adb-shell" e date invio, date adesso il comando "su" (per eseguirlo dovete avere il root) e poi "setprop sys.usb.config diag,adb" vi ritroverete davanti a una schermata come questa: andate sulla cartella di installazione di QPST e aprite la configurazione, il vostro device dovrebbe essere riconosciuto dal programma sotto "active phones" andate su "start clients" e poi su "software downloads". Questo aprirà una nuova finestra di dialogo andate su "backup" e cliccando su "start" salvate una copia del file QCN in una cartella a vostra scelta. Questo passaggio è fondamentale in caso di problemi con i punti successivi. Con restore sarà possibile ripristinare il tutto per ripartire da 0 in caso di errori accidentali. Ovviamente è necessario indicare la cartella dove il file è salvato. DOPO il backup, aprire la cartella di installazione di QPST e trovare il programma "RF_NV_Manager" spesso presente nella sottocartella "bin", e eseguirlo. Nel programma cliccare file->"read supported RF NV items". andare al numero 550 che dovrebbe corrispondere a "NV_UE_IMEI_I". Si apriranno 9 sezioni vuote. Ora usando l'IMEI converter, presente nella cartella scaricata precedentemente, convertite il vostro codice IMEI originale (spesso scritto dietro al telefono o sulla confezione). Fate ovviamente attenzione a inserire il numero corretto!!. Il programma convertirà l'imei in esadecimale, creando 9 codici alfanumerici di 2 caratteri. Ora compilate CON ORDINE le caselle inserendo nella prima il primo codice ecc ecc, SOLO quando avrete finito e ricontrollato cliccate su "Write NV", questo riscriverà finalmente il vostro codice. Riavviate il telefono e poi componendo dal dialer"*#06#" verificate che sia tutto ok (dovrebbe comparire l'IMEI). Fatto ciò sarà possibile loggare il Mi Account e fare tutte quelle operazioni che necessitano del codice IMEI.
  4. Può succedere che, durante l'aggiornamento di sistema ricevuto via OTA, la procedura di update non vada del tutto a buon fine arrivando ad avere il nuovo file boot.img ma con la vecchia versione del sistema. La procedura per rimediare a questo inconveniente è molto semplice e ve la illustreremo nella guida qui di seguito. ATTENZIONE: è doveroso da parte nostra ricordarvi che lo staff di GizChina.it non si assume responsabilità relative ad eventuali danni ai vostri dispositivi imputabili all'esecuzione delle seguenti indicazioni. Requisiti ADB e fastboot installati sul proprio PC; versione precedente al firmware installato, che troverete sul sito ufficiale Hauwei. Una volta recuperato il materiale necessario, iniziamo la procedura di ripristino o "unbrick". Attiviamo sul nostro dispositivo le "Opzioni Sviluppatore". Ciò è possibile seguendo il percorso: Impostazioni -> Info sul telefono ed effettuando 7 volte il tap sulla voce "Numero di serie" Fatto ciò, ritornate nel menu Impostazioni e cercate la voce "Opzioni sviluppatore", entrate nella sezione e attivate l'opzione "Debug USB" che vi permetterà di collegare lo smartphone al PC in questa particolare modalità; apriamo l'apk UPDATE.APP ed estraiamo i seguenti file: - boot.img - system.img - recovery.img copiamo i file appena estratti, nella cartella ADB/FASTBOOT; Spegnere il dispositivo ed avviarlo in modalità Fastboot (premere contemporaneamente tasto Power + tasto volume down); aprite la cartella ADB Driver sul vostro PC tenete premuto il tasto Shift sulla tastiera e cliccate con il tasto destro del mouse, selezionate la voce "Apri finestra di comando qui"; una volta che avremo accesso alla cartella C:/ADB, digitiamo il seguente comando: fastboot erase cache utile ad eliminare qualsiasi dato temporaneo che possa intralciare il processo di aggiornamento; portato a termine questo step, digitiamo in maniera conseguenziale (aspettiamo che venga portato a termine ogni singolo processo prima di passare al successivo): fastboot flash boot boot.img fastboot flash recovery recovery.img fastboot flash system system.img finiti i processi suddetti, digitiamo: fastboot reboot in questo modo il nostro dispositivo verrà riavviato. Portati a compimento questi passaggi, potremmo avviare il nostro dispositivo con la vecchia versione del firmware ed attendere che il sistema ci segnali la presenza del nuovo aggiornamento. Portate a termine nella maniera corretta l'update e sopratutto assicuratevi, prima di iniziare la procedure, che il vostro smartphone abbia la batteria con percentuale superiore al 50%
×