Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'sblocco bootloader'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Primi passi
    • Presentazioni
    • Comunicazioni dallo Staff
    • Suggerimenti & Proposte
  • Smartphone
    • Nubia
    • Xiaomi
    • Lenovo
    • Huawei
    • LeTV / LeEco
    • OnePlus
    • 360
    • Oppo
    • Smartisan
    • Meizu
    • ASUS
    • Vivo
    • Altri Brand
  • SmartWatch and SmartHome
    • Xiaomi - Huami Amazfit
    • Wear OS By Google
    • Altri Brand
  • Tablet e Ultrabook
    • Chuwi
    • Cube
    • Huawei
    • Onda
    • Pipo
    • Teclast
    • Xiaomi
    • Altri Brand Tablet
  • Stampa 3D
    • Discussioni generali
    • Stampanti 3D
  • Teardown
    • I Nostri Teardown
  • Sistemi Operativi
    • Android
    • Microsoft
    • Ubuntu Linux
    • Leaked ROM
  • Off Topic
    • Discussioni Android
  • Mercatino
    • VENDO
    • COMPRO
    • SCAMBIO
  • Store
    • Codici sconto

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Città 


Interessi


Smartphone in uso

Found 10 results

  1. Lo Xiaomi mi A1 è sicuramente un device che ha riscosso un grandissimo successo tra gli appassionati, soprattutto per il suo ottimo rapporto qualità/prezzo e la presenza di Android Stock, aggiornato direttamente da Google. Dopo qualche difficoltà, finalmente alcuni appassionati hanno trovato il modo per sbloccare il bootloader e ottenere i permessi di root su questo device. Su Mi A1 infatti questa procedura non si è rivelata così semplice come sui dispositivi che montano la MIUI. Veniamo quindi alla guida, che sfrutterà un tool che consente abbastanza facilmente di fare tutte le operazioni sopra citate. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Prerequisiti: caricare il dispositivo (almeno 70%; un PC; fare un backup di contatti, app e sms se necessario; abilitare le "opzioni sviluppatore": andare su Impostazioni->informazioni sul dispositivo->tappare 7 volte su "numero build" per abilitare il menù sviluppatore (al settimo tap dovrebbe comparire il messaggio "ora sei uno sviluppatore"); abilitare il debug USB: impostazioni->opz Sviluppatore->flaggare l'opzione "USB Debug"; abilitare l'OEM Unlock: impostazioni->opz. Sviluppatore->flaggare l'opzione "OEM Unlock"; scaricare l'ultima versione del All in One tool link. Come usare All in One Tool: dopo aver scaricato e estratto il tool eseguire il file AIO Tool v2.bat e vi ritroverete davanti una schermata del genere: schiacciare il tasto 1 per installare i driver ADB e Fastboot; tasto 2 per sbloccare il Bootloader; tasto 3 per ribloccarlo, utile per continuare a ricevere aggiornamenti OTA e preservare la garanzia; tasto 4 per eseguire il root utilizzando l'ultima patch del boot(vedi guida seguente prima di selezionare questa opzione!!). Prerequisiti per il Root: scaricare l'ultima patch del boot da questo link selezionando il mese a seconda delle ultime patch di sicurezza installate (per vederlo andare su impostazioni->info sul dispositivo e vedere "livello patch sicurezza", ad esempio se vedi scritto "Settembre" allora dovrai scaricare il file con le patch di settembre) nella cartella dove è salvato il Tool si sarà creata una sottocartella "Image". Copiare in questo directory il file appena scaricato. Procedura sbloccare il bootloader selezionare l'opzione 4 per aggiornare il sistema con il file boot patchato precedentemente inserito nella cartella image. Il telefono si riavvierà normalmente sul telefono scaricare flashfire dal play store e l'ultima versione di Super SU Flashable zip da qui; aprire flashfire; tap sul bottone "+" rosso in basso a destra; tap su "Flash zip o OTA"; selezionare lo zip di SuperSU scaricato al punto 3; andare nella sezione "EVER ROOT" e abilitare "INJECT SUPERSU"; tap su flash e attendere l'installazione; godersi i permessi di root! Fonte
  2. In questo nuovo tutorial vi mostreremo come effettuare lo sblocco del bootloader su tutti i device Huawei in maniera rapida e veloce. Ricordiamo che sbloccare il bootloader porterà all'eliminazione di tutti i dati personali pertanto consigliamo di effettuare un backup prima di procedere. Attenzione! Huawei ha deciso di non rilasciare più i codici di sblocco, quindi al momento non è possibile sbloccare ufficialmente i device per cui il codice non sia già stato richiesto. PREREQUISITI Driver ADB e Fastboot; Un computer con accesso ad Internet; Account EMUI PROCEDURA Collegatevi al sito ufficiale dell'EMUI e accedete con il vostro account; Verranno mostrati i disclaimer relativi allo sblocco del bootloader. Accettateli e proseguite; Inserite le informazioni richieste riguardo il proprio device e premete "Commit"; Al termine della procedura riceverete il codice di sblocco, copiatelo e conservatelo con cura; Riavviate lo smartphone in "fastboot mode" e collegatelo al computer; Da windows aprite cmd (finestra di comando); Digitate il comando fastboot devices e date invio; Verrà mostrato il numero identificativo del vostro smartphone; Ora digitate: fastboot oem unlock [codice] dove al posto di [codice] dovete inserire il codice ricevuto da Huawei, e date invio; Partirà lo sblocco del bootloader.
  3. In questo nuovo tutorial andremo a vedere come installare la recovery TWRP e successivamente ottenere i permessi di root per il LeEco Le2 e LeEco Le2 Pro. Inoltre vedremo come sbloccare il bootloader che ricordiamo comporterà la cancellazione di tuti i files presenti sul telefono, pertanto consigliamo di effettuare una copia di backup. Effettuando tali operazioni sarete,successivamente, in grado di poter cambiare ROM e, di conseguenza, installare una qualsiasi custom ROM contenente la lingua italiana ed il Playstore. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo ad utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI Pacchetto TWRP; SuperSu; Driver ADB; dispositivo completamente carico. PROCEDIMENTO Attiviamo la modalità "Debug USB" e "OEM Unlocking" andando su "Settings", "About Phone", tappando 7 volte il numero di build ed entrando nel nuovo menu "Developer Options"; Riavviamo lo smartphone in Fastboot tenendo premuto, da smartphone spento, il tasto di accensione e "VOL-"; colleghiamo lo smartphone al computer per far partire l'installazione dei driver; entriamo nella cartella contenente la recovery ed avviamo il file "adb_cmd"; dalla schermata del prompt digitiamo il comando: fastboot oem unlock al termine dello sblocco, se il telefono dovesse riavviarsi, completiamo la configurazione guidata e riavviamo lo smartphone nella modalità fastboot; sbloccando il bootloader da adesso in poi ad ogni avvio dello smartphone un piccolo avviso ci ricorderà che abbiamo sbloccato il bootloader; avviamo il file "flash_TWRP.bat" ed attendiamo il termine della procedura; per entrare nella recovery TWRP basterà tenere premuti, da telefono spento, i tasti "VOL+" con il tasto di accensione e rilasciarli non appena sarà visibile il logo di LeEco; ignoriamo l'avviso che ci si presenterà davanti facendo un semplice swipe sulla barra; colleghiamo lo smartphone al computer e copiamo il file di supersu nella memoria del telefono; se il computer non riconoscesse lo smartphone dalla modalità recovery, riavviatelo normalmente e copiate il file per poi tornare in recovery; Facciamo tap su "install" e selezioniamo il file appena copiato; terminato il flashing di supersu riavviamo lo smartphone per completare la procedura. Ringraziamo BB72 per il lavoro svolto su questo terminale.
  4. Emanuele C

    Huawei Mate S: TWRP 3.0.2 e root

    L'installazione della TWRP rappresenta un passaggio fondamentale per il modding di qualsiasi device Android e, da qualche tempo, per Huawei Mate S esiste la nuova versione 3.0.2 della nota recovery custom. In questa guida vi mostreremo come eseguire il flash sfruttando, come da tradizione, un comodo file .bat in grado di automatizzare tutte le operazioni da adb e fastboot. Prerequisiti Huawei Mate S con almeno il 70% di batteria; bootloader sbloccato (potete seguire questa guida); PC Windows e cavo USB; pacchetto SuperSu; pacchetto GizFlasher. Procedura IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Flash recovery Andare su "Impostazioni-> Informazioni telefono" ed effettuare tap ripetuti sul Numero di Build per abilitare la modalità sviluppatore; tornare sulla schermata "Altro" delle impostazioni, dovrebbe essere presente la voce "Opzioni sviluppatore"; entrare in "Opzioni sviluppatore" ed abilitare il debug USB e lo sblocco OEM; scaricare ed estrarre il tool sul PC; avviare autorun.zip ed eseguire l'installazione (saltare questo passaggio se adb e fastboot sono giù installati system wide sul PC); con telefono acceso collegato al computer, eseguire "GizFlasher.bat" presente nella cartella del pacchetto (in caso di problemi provare con e senza modalità amministratore); se richiesto, accettare dal telefono la connessione adb; selezionare 1 per eseguire il flash della TWRP. Root con SuperSU Copiare il pacchetto SuperSU sul telefono; riavviare in TWRP (da telefono spento premere contemporaneamente e a lungo i tasti power e Volume + con il cavo USB non connesso); tap su installa; selezionare il pacchetto copiato in precedenza; riavviare; il telefono si riavvierà un paio di volte, attendere; tra le app sarà adesso presente SuperSU.
  5. Ho deciso di creare un programma veloce e sicuro per semplificare le operazioni di modding su questi orologi. In questo momento solo l'Amazfit Pace è supportato, quando ci saranno più guide sull'Amazfit Stratos aggiornerò questo tool. IMPORTANTE per sbloccare il tuo bootloader dell'Amazfit ti servirà sempre il codice di sblocco ottenibile qui Huami AMAZFIT Tool FUNZIONI COME INSTALLARE IL TOOL AGGIORNAMENTI Non sarà necessario scaricare il nuovo Tool, ma in automatico, ad ogni avvio il tool stesso cercherà se ci sono degli aggiornamenti disponibili CONTATTI Se pensiate che sia necessario aggiungere nuove funzionalità, per favore commentate, mandatemi un messaggio privato o mandatemi una email a amazfitoolsup@gmail.com DOWNLOAD Huami AMAZFIT Tool ( Link Alternativo )( Un altro Link Alternativo ) LINK DONAZIONI Se volete supportare questo progetto fate una donazione
  6. Può capitare che alcuni servizi online pensati per il pubblico cinese non siano disponibili nei paesi occidentali, bloccati di firewall o altre restrizioni. È questo di solito il caso di app che devono rispettare le regole sui diritti d'autore (ad esempio per lo streaming di musica o video) e, più recentemente, anche delle API per lo sblocco del bootloader dei device di Xiaomi (che a volte restituiscono l'errore 10008 durante il collegamento del device all'account). Per fortuna questi problemi si possono facilmente risolvere utilizzando una VPN, e in questa guida vi mostreremo due alternative particolarmente adatte alla connessione ai server cinesi. Prerequisiti Dispositivo Android; app VPN: Flit VPN | Speedin vpn Procedura Utilizzando VPN Master Installare Flit VPN dal Play Store; avviare l'app; acconsentire a tutti i permessi richiesti; tap su "Start Without Registration" ; tap sul pulsante "connect"; adesso potrete usare tutti i servizi online cinesi e eseguire senza problemi l'associazione dell'account per lo sblocco del bootloader Xiaomi! Utilizzando Speedin Installare Speedin; avviare l'app; acconsentire a tutti i permessi richiesti; fare tap su "Smart Mode" (guardate le immagini sotto nel caso in cui sia in cinese); selezionare "Global Mode"; tornare indietro; tap su "Start"; adesso potrete usare tutti i servizi online cinesi e eseguire senza problemi l'associazione dell'account per lo sblocco del bootloader Xiaomi! ->->
  7. Vivo non è tradizionalmente un brand vicino alle necessità del mondo del modding, ma per Vivo V3 la community ha trovato una procedura per effettuare lo sblocco del bootloader, l'installazione della nota custom recovery TWRP e per ottenere i permessi di root. Ecco la guida completa! Prerequisiti Vivo V3 (guida non compatibile con V3 Max) con almeno il 70% di batteria; PC Windows e cavo USB; pacchetto GizFlasher; ultimo pacchetto zip SuperSU. Procedura IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Sblocco bootloader e flash recovery Andare su "Impostazioni-> Informazioni telefono" ed effettuare tap ripetuti sul Numero di Build per abilitare la modalità sviluppatore; tornare sulla schermata "Altro" delle impostazioni, dovrebbe essere presente la voce "Opzioni sviluppatore"; entrare in "Opzioni sviluppatore" ed abilitare il debug USB e lo sblocco OEM; scaricare ed installare i driver Vivo; scaricare ed estrarre il tool sul PC; avviare autorun.zip ed eseguire l'installazione (saltare questo passaggio se adb e fastboot sono giù installati system wide sul PC); con telefono acceso collegato al computer, eseguire "GizFlasher.bat" presente nella cartella del pacchetto (in caso di problemi provare con e senza modalità amministratore); se richiesto, accettare dal telefono la connessione adb; selezionare 1 per sbloccare il bootloader; confermare lo sblocco dal telefono premendo i tasti volume e quello power; riavviare il device; selezionare 2 per eseguire il flash della TWRP o 4 per ripristinare la recovery stock. Root (opzionale) Copiare il pacchetto SuperSU sulla memoria esterna del telefono; riavviare in TWRP (da telefono spento premere contemporaneamente e a lungo il tasto power e quelli Volume + e - con il cavo USB non connesso); tap su installa; selezionare il pacchetto copiato in precedenza; effettuare un wipe dalvik e cache; riavviare; tra le app sarà adesso presente SuperSU e il telefono vi garantirà i permessi di root.
  8. Haumi ha da tempo iniziato a bloccare i bootloader del suo Amazfit Pace (venduto in Cina anche sotto il brand Xiaomi) attraverso aggiornamenti software. Questo blocco, che non può al momento essere invertito utilizzando una procedura ufficiale, si è dimostrato un grosso problema per i tanti fan internazionali dell'economico smartwatch che contavano sul modding per cambiare firmware o localizzazione. Dopo diversi tentativi, per fortuna, il developer Olivier (@kasakdor sul forum di XDA, a cui vanno tutti i meriti della procedura) è riuscito a fare un reverse engineering e a creare un tool che generi i codici di sblocco. Ecco quindi la guida completa per sbloccare il bootloader di questo device! Prerequisiti Xiaomi Mi Watch o Huami Amazit Pace con batteria carica almeno al 70%; PC e cavo USB (si consiglia di tenere a portata di mano un cavo non originale, quello dello smartwatch a volte non funziona a dovere); ADB e fastboot installati system wide sul PC: versione OS 1.2.28 o inferiore. Procedura IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Collegare lo smartwatch al PC; aprire una finestra di comando (premere shift e click con il destro -> "apri finestra di comando qui"); digitare adb devices e dare invio per verificare che il dispositivo sia riconosciuto; dare il comando adb shell reboot bootloader per riavviare in fastboot; digitare ora fastboot getvar all e dare invio per ricevere delle informazioni che saranno necessarie allo sblocco; si riceverà una risposta del tipo c:\adb>fastboot getvar all < waiting for device > (bootloader) version-bootloader: U-Boot 2013.07-00096-gf3b140c (bootloader) version-baseband: N/A (bootloader) version-hardware: V1.1 20130322 (bootloader) version-cdma: N/A (bootloader) variant: watch (bootloader) serialno: 0123456789abcdef (bootloader) product: watch (bootloader) secure: no (bootloader) unlocked: no (bootloader) uart-on: NO (bootloader) partition-size:bootloader: 0x0000 (bootloader) partition-type:bootloader: emmc (bootloader) partition-size:recovery: 0x1000 (bootloader) partition-type:recovery: emmc (bootloader) partition-size:boot: 0x2000 (bootloader) partition-type:boot: emmc (bootloader) partition-size:system: 0x3000 (bootloader) partition-type:system: ext4 (bootloader) partition-size:cache: 0x4000 (bootloader) partition-type:cache: ext4 (bootloader) partition-size:userdata: 0x5000 (bootloader) partition-type:userdata: ext4 (bootloader) max-download-size: 0x4000000 all: finished. total time: 0.280s dove a noi interessano le voci "version bootloader" e "serialno". Copiare questi valori; riavviare lo smartwatch; andare su impostazioni -> about; verificare che il serial number coincida con quello rilevato da fastboot; copiare la versione OS; andare a questo indirizzo; click su "I fully understand and want to continue"; inserire i dati richiesti, superare il captcha e fare click su "submit unlock request"; attendere la mail con il codice di sblocco (in media sono necessari un paio di giorni); ricollegare il telefono al PC; aprire una finestra di comando (premere shift e click con il destro -> "apri finestra di comando qui"); digitare adb devices e dare invio per verificare che il dispositivo sia riconosciuto; dare il comando adb shell reboot bootloader per riavviare in fastboot; dare infine il comando fastboot oem unlock xxxxxxxxxxx dove al posto delle x bisogna sostituire il codice di sblocco ricevuto per mail; riavviare lo smartwatch, adesso il bootloader sarà sbloccato e la garanzia, ovviamente, invalidata. Fonte
  9. ASUS rientra purtroppo nella lista dei produttori che non si fanno scrupoli a bloccare il bootloader dei propri device e, come molti concorrenti, offre una procedura ufficiale di sblocco non particolarmente user-friendly e priva di problemi. In questa guida vi mostreremo dunque due metodi non ufficiali per sbloccare il bootloader su Zenfone 3 (versione ZE520KL o ZE552KL) e, esclusivamente per i device con ROM Marshmallow, la procedura ufficiale di sblocco. Prerequisiti ASUS ZenFone 3 versione ZE520KL o ZE552KL; batteria carica almeno al 70%; pacchetto di sblocco; Debug USB e Sblocco OEM attivati sul device: Andare su Impostazioni -> Info sul telefono e dare tap ripetuti sul build number per sbloccare le opzioni sviluppatore; aprire le Opzioni Sviluppatore e abilitare il Debug USB e lo Sblocco OEM. Procedura IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Metodo non ufficiale con file bat Scaricare ed estrarre il pacchetto dai prerequisiti; avviare "Install driver.bat" ed eseguire l'installazione; avviare adb-setup-1.4.3.exe ed eseguire l'installazione dando sempre yes (saltare questo passaggio se ADB e fastboot sono già system wide sul PC); riavviare il telefono in modalità fastboot (da device spento premere i tasti power e volume +); avviare il file bat di unlock relativo al proprio modello di ZenFone 3. Il device sui riavvierà e avrà il bootloader sbloccato. Metodo non ufficiale (flash manuale) Scaricare ed estrarre il pacchetto dai prerequisiti; avviare "Install driver.bat" ed eseguire l'installazione; avviare adb-setup-1.4.3.exe ed eseguire l'installazione dando sempre yes (saltare questo passaggio se ADB e fastboot sono già system wide sul PC); fare click su un un punto bianco della cartella "Kit Bootloader Zenfone 3", dunque premere il tasto destro del mouse e selezionare "Apri finestra di comando qui"; per il modello ZE520KL dare i comandi: fastboot flash all unlock_ze520kl.raw fastboot reboot-bootloader fastboot oem unlock-go per il modello ZE552KL dare i comandi: Fastboot flash all unlock_ze552kl.raw fastboot reboot-bootloader fastboot oem unlock-go e riavviare il telefono. Metodo ufficiale Attenzione: il metodo ufficiale è sconsigliato in quanto porta alla perdita degli OTA e potrebbe non funzionare su Android 6. Estrarre il pacchetto di sblocco; copiare il file ZE520KL_SIGNED_Android_M_UnlockTool_2016_0715.APK o ZE552KL_SIGNED_Android_M_UnlockTool_2016_0715.APK (a seconda del vostro modello di Zenfone 3) sul device; usando un gestore file, installare l'apk; seguire la procedura guidata dell'app, alla fine il device effettuerà una chiamata; chiudere il warning sullo sblocco del bootloader. Il device si riavvierà con bootloader sbloccato. Fonte
  10. In questo nuovo tutorial andremo a vedere come sbloccare il bootloader del nostro Xiaomi Redmi Note 3 senza aspettare il codice di sblocco da parte di Xiaomi. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI Driver ADB e Fastboot;[/font] ROM per lo Xiaomi Redmi Note 3 Pro; Unlocked Bootloader.zip; Mi Flash Tool; firma Driver disabilitata PROCEDIMENTO Abilitare il "Debug USB" e "Enable Unlock OEM" dal "menu sviluppatori"; collegare il telefono al computer. Comparirà un messaggio di conferma per far comunicare il computer con il telefono. Confermate; aprite il "Prompt dei Comandi" e recatevi nella cartella dove avete installato fastboot e ADB; digitate questo comando e date "Invio"; adb reboot edl lo smartphone si riavvierà ma rimarrà con lo schermo tutto nero e sul computer partirà l'installazione del driver "qshusb qloader 9008"; scompatate la ROM scaricata in precedenza fino ad ottenere una cartella con dentro i file necessari al flashing; Per comodità consigliamo di copiare spostare i file in una cartella dedita allo scopo dentro "C:" andandola a chiamare "MIUIROM" senza spazi e virgolette; avviate "MiFlash" scaricato ed installato in precedenza; premete su "Browser" e date il percorso dove avete copiato la ROM (se avete seguito il nostro consiglio è la cartella "MIUIROM") e successivamente premete su "Refresh" per far riconoscere il vostro dispositivo al tool; selezionate ora "advanced" (dal menu browser) e settate la prima voce con il file "flashall.bat", la terza con il file "prog_emmc_firehose_8976_ddr.mbn" e le ultime due rispettivamente con "rawprogram0.xml" e "patch0.xml"; estraete il file "Unlocked bootloader.zip" e sostituitelo con il file presente nella cartella della ROM; da MiFlash Tool fate un refresh; premete su "Flash" ed attendete la fine del processo; una volta completata la procedura staccate il telefono dal cavetto USB. Durante il "flashing" non toccate assolutamente il device, e non staccatelo dal cavetto USB per evitare il brick. Riavviare lo smartphone in "fastboot mode" tenendo premuto "VOL-" e il tasto di accensione da telefono spento e ricollegarlo al computer; dal prompt dei comandi digitate il comando per vedere lo stato del bootloader: fastboot oem device-info ora digitate il comando per sbloccare il bootloader: fastboot oem unlock-go al termine della procedura digitate nuovamente il comando per controllare lo stato del bootloader e verificate che abbiate il bootloader sbloccato. IMPORTANTE: Una volta sbloccato il bootloader non dovete in alcun modo installare la recovery Xiaomi o andrete incontro al blocco del bootloader e bootloop. Fonte: MIUI FORUM
×