Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'tool'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Primi passi
    • Presentazioni
    • Comunicazioni dallo Staff
    • Suggerimenti & Proposte
  • Smartphone
    • Nubia
    • Xiaomi
    • Lenovo
    • Huawei
    • LeTV / LeEco
    • OnePlus
    • 360
    • Oppo
    • Smartisan
    • Meizu
    • ASUS
    • Vivo
    • Altri Brand
  • SmartWatch and SmartHome
    • Xiaomi - Huami Amazfit
    • Wear OS By Google
    • Altri Brand
  • Tablet e Ultrabook
    • Chuwi
    • Cube
    • Huawei
    • Onda
    • Pipo
    • Teclast
    • Xiaomi
    • Altri Brand Tablet
  • Stampa 3D
    • Discussioni generali
    • Stampanti 3D
  • Teardown
    • I Nostri Teardown
  • Sistemi Operativi
    • Android
    • Microsoft
    • Ubuntu Linux
    • Leaked ROM
  • Off Topic
    • Discussioni Android
  • Mercatino
    • VENDO
    • COMPRO
    • SCAMBIO
  • Store
    • Codici sconto

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Città 


Interessi


Smartphone in uso

Found 12 results

  1. In questo tutorial andremo a vedere come installare "ADB", "fastboot" in maniera semplice, facile e veloce grazie ad un pratico tool sviluppato dal mauronofrio (che cogliamo l'occasione per ringraziare, click qui per effettuare una donazione). FEATURES: Dimensioni pacchetto eseguibile molto leggero; installazione in pochi secondi; AIO (All In One): verranno installati ADB e fastboot; installazione semplice; system wide; compatibile con powershell; ADB e fastboot sempre aggiornati. DOWNLOAD PROCEDIMENTO: Scaricate l'installer su un PC Windows; avviate il file scaricato con privilegi di amministratore; continuate con l'installazione; passati pochi secondi avrete finito e sarete pronti ad utilizzare adb e fastboot da qualsiasi percorso del sistema; in caso di problemi con i driver provare a seguire questa guida. Fonte
  2. Oggi vi presento un tool veloce e funzionale, che vi permetterà di sbloccare il bootloader e di flashare la TWRP in sicurezza. La lingua principale è l'inglese, poi c'è una traduzione all'80% in Italiano. La lingua viene impostata in automatico a seconda della lingua impostata nel vostro computer. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. X62X TOOL COME INSTALLARE CHANGELOG DOWNLOAD X62X TOOL Link Alternativo DONAZIONI
  3. Presentiamo oggi un piccolo tool per velocizzare lo sblocco del bootloader e il flash della twrp sviluppato dal LeITAGroup (lo stesso che sviluppa le GizROM per i dispositivi LeEco). Prima di procedere, ricordatevi di non riavviare mai il telefono da comandi adb e/o fastboot, potreste brikkare il vostro telefono. Sblocco del Bootloader: Scaricare il tool dal link in basso; Estrarre il tool; Attivare il debug usb nelle Opzioni Sviluppatore; Riavvia il device in fastboot mode manualmente, tenendo premuti tasto accensione e volume- contemporaneamente; Collegare il device al pc ed aprire il file "X62X_TOOL.bat" o se non presente il file "X62X_TOOL"; Scrivere 1 e premere INVIO; Il tool provvederà a mandare il comando di sblocco del bootloader; Dopo aver sbloccato il bootloader riavviate il telefono tenendo premuto il tasto accensione per 10 secondi circa. Flash della TWRP: Scaricare il tool dal link in basso; Estrarre il tool; Bisogna aver Sbloccato il Bootloader; Riavvia il device in fastboot mode manualmente, tenendo premuti tasto accensione e volume- contemporaneamente; Collegare il device al pc ed aprire il file "X62X_TOOL.bat" o se non presente il file "X62X_TOOL"; Scrivere 2 e premere INVIO; Il tool provvederà a mandare il comando per flashare la TWRP; Dopo il flash della TWRP riavviate il telefono in recovery tenendo premuti il tasto accensione e volume+. ATTENZIONE: se dopo aver sbloccato il bootloader o flashato la twrp, nella schermata del tool, leggete una scritta "FAILED" o comunque qualcosa che vi faccia capire che il processo non è avvenuto, rileggete la guida e nel caso chiedete aiuto in questo thread. DOWNLOAD Donazioni: Se il nostro lavoro vi è piaciuto scegliendo la 3 opzioni potrete fare una donazione, Grazie in anticipo
  4. A volte, quando si acquista un telefono Xiaomi da alcuni store online, questo può arrivare con una Rom MIUI modificata dallo store in questione del tutto simile a quella ufficiale contenente però software indesiderati (se non maligni) ed una traduzione non proprio in linea con quella ufficiale. Un ulteriore problema è che gli aggiornamenti ufficiali non verranno rilevati e quindi nemmeno installati. In nostro aiuto viene un tool che promette di ripristinare la ROM originale in automatico in pochi semplici passaggi. Queste rom non ufficiali vengono definite nel gergo del modding "fake" o "farlocche" e per riconoscerle bisogna verificare solo la versione della rom da impostazioni e controllare che il numero non finisca con 0.0 o 9.9, in questo caso la rom molto probabilmente sarà farlocca e bisognerà andarla a sostituire. Esistono diversi metodi per farlo , quello che vi proponiamo è il più semplice in assoluto. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Prerequisiti Telefono Xiaomi; Connessione Internet; Un pc. Procedura Scaricate ed installate sul vostro pc il programma Xiaomi Tool; Avviate il telefono in recovery (accensione + tasto volume su); Navigare nel menu di recovery con il bilancere del volume e selezionare premendo il tasto avvio "Connetti con Mi Assistant"; Collegate il telefono al pc; E lanciate il programma con il file "FastFlash"; Verranno installati i driver e vi verrà proposto un menu a scelta ; Impostate solo il primo campo con "Global Stable" e gli altri con "Nessuna Rom"; Cliccate su Seleziona; Al termine avrete il terminale con la nuova rom selezionata. Fonte Xiaomi Today
  5. Oggi vi presentiamo questo semplice tool all in one che permette di effettuare tutte le più comuni operazioni di modding senza digitare troppi comandi e in modo veloce e semplice per Xiaomi Redmi Note 5 Redmi Note 5 Pro (nome in codice Vince e WhyRed). IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Prerequisiti Bootloader sbloccato; PC e cavo USB; ADB e fastboot installati; Download ifelixit Toolkit Flasher; Download SuperSu; Download DMVerity. Prima di iniziare Come prima cosa dovete abilitare le "opzioni sviluppatore": Andate in impostazioni⇒ About phone ⇒ Tappate su “build number” 7 volte per abilitare le "opzioni sviluppatore" Andate in impostazioni⇒ opzioni sviluppatore ⇒ selezionate USB debugging Andate in impostazioni⇒ opzioni sviluppatore ⇒ selezionate abilita sblocco OEM Istruzioni Copiate i file DmVerity e Super su nella memoria interna del telefono; Collegate il telefono al pc; Scompattate il file ifelixit Toolkit Flasher ed eseguite come Amministratore il file "ifelixit FLASHER TOOLKIT Whyred-Vince4.bat"; Vi verrà mostrato un menù, a seconda del modello scegliete menu #1 o #2 per installare la Recovery; Seguite le istruzioni che verranno fornite a video; Ad operazione conclusa la recovery verrà avviata; A questo punto è necessario installare il file del SuperSu e Dmverity; Dal menu install della TWRP selezionate il file del Supersu e fate swipe per installare; Dal menu install selezionate il file del DmVerity fate swipe per installare; Riavviate e godetevi i permessi di root abilitati. ATTENZIONE: Al riavvio in recovery è imperativo il flash del SuperSU per evitare che il telefono vada in bootloop! Screenshot Fonte MIUI forum
  6. Gli utenti con più esperienza nel campo dei modding sanno bene che i dispositivi Qualcomm possono essere quasi sempre resuscitati. Per accedere alla potenza della modalità "Qualcomm HS-USB QDloader ", sfruttata da tool per il riprstino come Mi Flash, QFIL e Nubia Tool Studio, è necessario tuttavia installare correttamente i driver Qualcomm. Quest'ultima operazione è molto semplice, ma dato che è abbastanza frequente ho deciso di dedicarle una guida apposita. Prerequsiti telefono riconosciuto dal PC Windows come "QHSUSB_BULK"; driver Qualcomm. Procedura Colleghiamo il telefono al PC; scarichiamo ed estraiamo i driver; disattiviamo la verifica firme driver di Windows (opzionale ma consigliato); andiamo su "Pannello di controllo->Hardware e suoni->Gestione dispositivi"; cerchiamo la sezione "Porte" e click con il destro su QHSUSB_BULK; selezioniamo "Aggiornamento software driver"; selezioniamo " cerca il driver nel nel computer"; indichiamo la cartella in cui abbiamo estratto i driver; click su "installa comunque questo driver"; attendiamo l'installazione del driver e verifichiamo che il telefono compaia come "Qualcomm HS-USB QDloader..." nella sezione "Porte".
  7. Il tool FunkyHuawei ti consente di effettuare il rebrand (cambiare la regione), unbrick o di eseguire il flash / installare gli ultimi aggiornamenti su molti dispositivi e telefoni cellulari Huawei recenti. Non è necessario sbloccare il bootloader, la garanzia non sarà invalidata! Si fa presente che per funzionare il tool richiede l'acquisti di alcuni crediti, senza i quali non è possibile effettuare le operazioni descritte. GizChina.it e lo staff non sono in alcun modo collegati all'azienda che produce questo software e non riceve alcun compenso per dalla vendita di crediti. Prerequisiti Un telefono Huawei; Bootloader necessariamente bloccato. Avvertenza: non provate ad effettuare il rebrand per la versione USA Mate 10 Pro / Porsche (BLA-A09) ad un altro Firmware. Potreste brickare il vostro dispositivo. Altri Mate 10 Pro (BLA-L09 e BLA-L29) sono ok per il rebrand. Nota: se il tuo modello è più vecchio o utilizza un processore non Kirin, questo strumento potrebbe non funzionare. Se il dispositivo non è supportato fare riferimento agli sviluppatori. Nota: prima di utilizzare lo strumento, assicurarsi che il firmware per il modello e la regione che si sta scegliendo esistano effettivamente. In caso di dubbio, fare riferimento agli sviluppatori. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Procedura Creare un account sul sito del produttore Come prima cosa è necessario acquistare dei crediti. Assicuratevi di avere almeno 7 crediti nel vostro account; Assicurarsi che il telefono abbia un bootloader bloccato; Scaricare FHRebrandTool da qui; Estrarre il file ZIP sul disco del computer; Spegnere il telefono; Accendere lo smartphone tenendo premuto il tasto volume giù e collegarlo con il cavo USB al PC; Eseguire il file FHRebrandTool.exe; Scegliere il modello di telefono che desideri rebrandare. Se non è elencato, scegliete l'opzione 7 e inseritelo manualmente. Esempi di inserimento manuale: BKL-L09 per International Honor V10. MHA-AL00 per il fratello cinese . BLA-L09 per Single-Sim Mate 10 Pro; Scegliere la regione del telefono che si desidera rebrandare. Se non è elencato, scegliete l'opzione 8 e inseritelo manualmente. Esempi di inserimento manuale: porsche / normale per Porsche Mate 9/10 Pro. vodafone / es per Vodafone Spagna; Seguire le istruzioni sullo schermo, verificare che tutto sia corretto, digitare OK e premere invio; Dopo una breve attesa, il telefono verrà impostato con la regione desiderata. Le Informazioni sul telefono, le informazioni corrette non verranno visualizzate finché non si prosegue con il passo successivo; Metodo eRecovery (Non funziona per il passaggio da EMUI 5 to EMUI 8) Nel vostro router dovete impostare i DNS come descritto di seguito; DNS Primario : 213.202.238.238 DNS Secondario : 1.2.3.4 Verificate che le impostazioni dei DNS funzionino correttamemte; Dal sito ufficiale scegliete il firmware adatto al vostro dispositivo; Riavviate in recovery; Scegliete la prima opzione "download and install firmware" connettevi al vostro wifi; Se avete fatto tutto correttamente verrà scaricato ed installato un firmware chiamato "FunkyHuawei"; Al termite reimpostate i DNS del vostro Router come erano prima. Metodo HiSuite (Consigliato per to EMUI 8 e modelli più recenti) Disinstallate qualsiasi versione di HiSuite installate sul vostro pc ed installate questa; Aggiungete al file hosts del vostro windows questa riga: 213.202.238.238 query.hicloud.com (lo trovate sotto C:\Windows\System32\drivers\etc); Dal sito ufficiale scegliete il firmware adatto al vostro dispositivo; Andate in impostazioni⇒ About phone ⇒ Tappate su “build number” 7 volte per abilitare le "opzioni sviluppatore"; Andate in impostazioni⇒ opzioni sviluppatore ⇒ selezionate USB debugging; Collegate il telefono al computer. HiSuite dovrebbe rilevarlo; Usate la funzione di aggiornamento e verrà trovato un aggiornamento chiamato FunkyHuawei; Installate questo aggiornamento; Se eseguite l'upgrade da Android N a Android O, il vostro telefono potrebbe chiedervi a questo punto di cancellare i dati. Date conferma; Se il telefono non si dovesse avviare, è necessario avviare il telefono in modalità di ripristino (non eRecovery) scollegando USB e mantenendo il volume su all'avvio. Una volta avviato il ripristino, scegliete Cancella dati / Ripristino impostazioni di fabbrica, quindi scegli Cancella cache. Nota: Se HiSuite non si dovesse connettere al telefono, installate sul telefono il file si trova in "c:\program(x86)\HiSuite\APK\HiSuite.apk Ciò dovrebbe facilitare la connessione di HiSuite. Per maggiori info visitate il sito ufficiale Fonte GitHub
  8. In questa guida vi spiegheremo come utilizzare lo strumento SP Flash per estrarre / backup / scaricare il firmware di un dispositivo Android Mediatek. Questo approccio non richiede root e viene spesso utilizzato in combinazione con lo strumento Wwr IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Requisiti Un telefono con processore Mediatek; Un PC; Mediatek USB VCOM drivers installati sul PC; Sp Flash Tool installato sul PC; Mtk Droid Tool. Come creare un backup della ROM con Sp Flash tool Eseguite MTK Droid Tools e cliccate su Mappa Blocchi; Nel Block info concentratevi sulle colonne Scatter e Size; Cliccate su "crea scatter file" e salvate il file sul vostro PC; Eseguite SP Flash Tool e aprite il file scatter creato precedentemente (scatter loading); Andate nel tab "Read back" e cliccate sul tasto "ADD"; Verrà creato un nuovo elemento, assicuratevi che sia selezionato e fateci doppio click sopra e salvatelo come boot.img; Nella finestra di dialogo, selezionare Esadecimale. Per ottenere l'indirizzo di partenza, torna al secondo passaggio sopra e inserisci il valore sotto la colonna Scatter per il file / partizione con cui estrarre. Dal momento che stiamo copiando Boot.img, il valore sotto scatter per Bootimg è 0002780000 che sarà 0x2980000. Per ottenere la lunghezza, controlla sotto la colonna Dimensione per il file / la partizione che desideri estrarre. per Bootimg come mostrato sopra, la dimensione è 0000600000 che sarà 0x600000 quindi fare clic su OK. Il trucco è sostituire tutti gli 0 prima della prima cifra diversa da zero con 0x; Cliccate su Read Back; Collegare il telefono al PC mentre è spento e attendere che l'operazione "Read back" sia completata; Al termine verrà mostrato un cerchio verde. Vediamo ora come creare un backup completo della ROM Da SP Flash Tool rifate la procedure precedente e aggiungete un nuovo elemento nel tab "Read Back"; De selezionate quello creato in precedenza e lasciate selezionato quello nuovo; Fate doppio click sopra il nuovo elemento e salvatelo con il nome di ROM_1; Nella casella, lascia Hex barrato. Per l'indirizzo iniziale, lasciatelo così com'è (0x000 .....). Per Lunghezza, inserisci il valore sotto la colonna Scatter (vedi il passaggio sopra) per FAT o Usrdata (in questo modo si farà un copia di tutte le partizioni fino a Fat o userdata). ad es. FAT è 0097140000 (che è 0x97140000); Cliccate su Read Back; Collegare il telefono al PC mentre è spento e attendere che l'operazione "Read back" sia completata; Al termine verrà mostrato un cerchio verde; Tornate a MTK Droid Tools e cliccate sul tasto "Elabora i file ROM da Flash Tool"; Selezionate il file "ROM_1" e aspettate che termini il processo di caricamento; Quando viene richiesto di eseguire CWM Recovery automaticamente, fare clic su Sì o No. Se si fa clic su Sì, sarà necessario selezionare Recovery.img dalla finestra che si aprirà; Al termine aprite la cartella in cui avete salvato il file ROM_1, dovreste vedere la cartella di backup del telefono. IMPORTANTE NON interrompere la procedura di rilettura, altrimenti il telefono non si accenderà per diverse ore; È importante utilizzare solo un file scatter per il modello del telefono (e preferibilmente variante) per evitare di incorrere in errori a causa di un file incompatibile o di indirizzi di partizione errati ; Quando si esegue il dumping del preloader, prendere nota dell'indirizzo della regione e sapere che il preloader raw scaricato tramite l'approccio deve ancora essere elaborato per poter essere analizzato; Gli strumenti MTK Droid non funzionano con i nuovi chip Mediatek e le versioni Android, quindi è possibile scaricare una partizione alla volta o utilizzare lo strumento Wwr_MTK; Fonte Hovatek
  9. Zip Builder è un exe per Windows (ZipBuild.exe) da usare per costruire e firmare installers Android a partire da una cartella Windows. Tutti i componenti richiesti sono inclusi, non è richiesto altro software, oltre l'installazione su PC dell'ultima release Java. Zip Builder può essere usato sia per shell-script che per edify-script e riconoscerà automaticamente il metodo di installazione usato. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. E' consigliato installare l'app tramite windows installer, ma è sufficiente utilizzare l'app stand-alone (vedi sotto). Ecco la riga di comando da usare: ZipBuild.exe <option1> <option2...> <*Folder Name> Le opzioni sono le seguenti: 'm' or '-manual': selezione manuale della cartella da processare 's' or '-signed': aggiunge '-signed' al nome del file '5' or '-md5': genera file di controllo MD5 'c' or '-confirm': richiede conferma prima di procedere 'g' or '-gitinclude': include cartelle .git e relativi file * Ignorato in modalità manuale SPIEGAZIONE OPZIONI 'm' or '-manual': in modalità manuale si presenterà una finestra in cui selezionare la cartella che contiene i file da processare. Usando la modalità manuale, il nome della cartella sarà ignorato se inserito nella riga di comando 's' or '-signed': Questa opzione aggiungerà '-signed' al nome del file processato. Per esempio: nome cartella 'UPDATE-adb.Installer.v1.0.36' produrrà un file zip signed chiamato 'UPDATE-adb.Installer.v1.0.36-signed.zip'. '5' or '-md5': questa opzione genererà un file di controllo MD5 da usare per controllare l'integrità del file in TWRP o con altri tool Windows. 'c' or '-confirm': usando quest'opzione, comparirà una finestra di dialogo per confermare (o modificare) le 2 opzioni precedenti. Se le opzioni sono state specificate nella riga di comando, esse saranno spuntate. ora cliccare il pulsante 'Build Zip File' per iniziare la costruzione dello zip. 'g' or '-gitinclude': questa opzione includerà ogni cartella e relativo file .git (.git, .gitignore e .gitattributes) che sono normalmente esclusi dallo zip. [normalmente non necessario] ZIP BUILDER SETTINGS MANAGER Zip Builder Settings Manager (ZipBuildSettings.exe) è un'app opzionale che può essere usata per gestire le impostazioni e le opzioni (vedi sopra) per Zip Builder: Creazione di Windows Context (Clic dx) menu che permette di costruire un file zip signed da clic dx sul nome di una cartella. I nomi di cartelle che terminano per '20YYMMDD' o '20YYxxxx' così come cartelle che iniziano per 'UPDATE' sono supportate in Windows 7 e superiori. Premendo il tasto SHIFT alla selezione della cartella, il comando sarà disponibile per ogni cartella. Scelta di quando mostrare la finestra di dialogo Scelta di quando aggiungere '-signed' al nome del file generato Scelta di quando crear il file md5 Scelta di includere tutte le cartelle e file in .git FUNZIONE DATE CODE Se stai costruendo da una cartella Windows che finisce per '20YYMMDD' o '20YYxxxx', Zip Builder darà l'opzione di cambiare o aggiornare la porzione codice data del nome file prima di costruire lo zip (suggerendo la data attuale - YYYYMMDD). Se si costruisce uno zip installer che include un file g.prop (presente in molti pacchetti GApps), l'installer leggerà la data dalla proprietà 'ro.addon.*_version=' e la utilizzerà automaticamente. WINDOWS INSTALLER Esiste anche un Windows installer da usare in modo standard (senza accesso amministratore ) e installa Zip Builder e Zip Builder Settings in: 'C:/Users/<user>/AppData/Roaming/Zip Builder'. L'installer crea un gruppo programma e scorciatoie nel menù di avvio Windows (e volendo sul desktop) da usare per lanciare Zip Builder in 'manual selection mode', in cui l'utente può selezionare manualmente la cartella da costruire. L'installer avvierà automaticamente Zip Builder Settings Manager alla fine dell'installazione per configurare impostazioni ed opzioni preferite. Disinstallare Zip Builder dal pannello di controllo Windows rimuoverà ogni traccia del software dal sistema senza toccare il sistema operativo. Il codice è disponibile se vuoi controllare! NOTE TECNICHE Programma tesato su Windows 7 64-bit. Funziona anche su Windows 7 e XP (32-bit) se la cartella da zippare è abbastanza piccola (meno di 50-75 MB). DOWNLOADS Zip_Builder_Executables_and_Windows_Installer_v4.2 .1.zip Zip_Builder_Source_Code_v4.2.1.zip Fonte: xda
  10. Oggi vi presentiamo questo semplice tool che permette di fare tutte le operazioni ADB e FASTBOOT da interfaccia grafica, molto comodo per chi non è pratico con il modding. Il tool è compatibile solo con lo Xiaomi MI A1 codename tissot. Funzionalità Prerequisiti PC e cavo USB; ADB e fastboot installati; Xiaomi MI A1; Download Tool. Installazione Scaricate il file nel vostro Pc; Estraete e lanciate il file eseguibile. Screenshot Fonte XDA
  11. Lo Xiaomi mi A1 è sicuramente un device che ha riscosso un grandissimo successo tra gli appassionati, soprattutto per il suo ottimo rapporto qualità/prezzo e la presenza di Android Stock, aggiornato direttamente da Google. Dopo qualche difficoltà, finalmente alcuni appassionati hanno trovato il modo per sbloccare il bootloader e ottenere i permessi di root su questo device. Su Mi A1 infatti questa procedura non si è rivelata così semplice come sui dispositivi che montano la MIUI. Veniamo quindi alla guida, che sfrutterà un tool che consente abbastanza facilmente di fare tutte le operazioni sopra citate. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Prerequisiti: caricare il dispositivo (almeno 70%; un PC; fare un backup di contatti, app e sms se necessario; abilitare le "opzioni sviluppatore": andare su Impostazioni->informazioni sul dispositivo->tappare 7 volte su "numero build" per abilitare il menù sviluppatore (al settimo tap dovrebbe comparire il messaggio "ora sei uno sviluppatore"); abilitare il debug USB: impostazioni->opz Sviluppatore->flaggare l'opzione "USB Debug"; abilitare l'OEM Unlock: impostazioni->opz. Sviluppatore->flaggare l'opzione "OEM Unlock"; scaricare l'ultima versione del All in One tool link. Come usare All in One Tool: dopo aver scaricato e estratto il tool eseguire il file AIO Tool v2.bat e vi ritroverete davanti una schermata del genere: schiacciare il tasto 1 per installare i driver ADB e Fastboot; tasto 2 per sbloccare il Bootloader; tasto 3 per ribloccarlo, utile per continuare a ricevere aggiornamenti OTA e preservare la garanzia; tasto 4 per eseguire il root utilizzando l'ultima patch del boot(vedi guida seguente prima di selezionare questa opzione!!). Prerequisiti per il Root: scaricare l'ultima patch del boot da questo link selezionando il mese a seconda delle ultime patch di sicurezza installate (per vederlo andare su impostazioni->info sul dispositivo e vedere "livello patch sicurezza", ad esempio se vedi scritto "Settembre" allora dovrai scaricare il file con le patch di settembre) nella cartella dove è salvato il Tool si sarà creata una sottocartella "Image". Copiare in questo directory il file appena scaricato. Procedura sbloccare il bootloader selezionare l'opzione 4 per aggiornare il sistema con il file boot patchato precedentemente inserito nella cartella image. Il telefono si riavvierà normalmente sul telefono scaricare flashfire dal play store e l'ultima versione di Super SU Flashable zip da qui; aprire flashfire; tap sul bottone "+" rosso in basso a destra; tap su "Flash zip o OTA"; selezionare lo zip di SuperSU scaricato al punto 3; andare nella sezione "EVER ROOT" e abilitare "INJECT SUPERSU"; tap su flash e attendere l'installazione; godersi i permessi di root! Fonte
  12. Amazfit Bip utilizza un sistema operativo proprietario che non garantisce nativamente tutta quella flessibilità a cui ci siamo ormai assuefatti grazie al mondo Android. Questa situazione rende ancora più importanti le conquiste dei modders che, riusciti con successo a tradurre il device, negli ultimi tempi si sono dedicati alla creazione delle watchfaces. In questa guida vi mostreremo come sia possibile utilizzare un tool sviluppato da dpeddie e heartlandzf (che naturalmente ringraziamo) per sostituire le watchfaces stock con altre custom! Ringraziamo inoltre tutti coloro che hanno creato le faces inserite nel tool. Se desiderate essere citati contattateci! Changelog Changelog 0.2e risolto bug watchaface imperfette; resa temporanea la cartella di lavoro. Changelog 0.2d aggiunte nuove watchfaces; rilasciato anche in versione Win32. Changelog 0.2c risolto bug salvataggio file vuoti. Changelog 0.2b aggiunte nuove watchface; "Save as" non più selezionabile se non si è caricato un file .res. Changelog 0.2 aggiunte nuove watchface. Changelog 0.1 versione iniziale. Prerequisiti Amazfit Bip; ultimo file Mili_chaohu.res già tradotto; PC Windows; Amazfit Bip Resource creator: Win32 | Win64 | Linux_x64. Procedura IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Avviare Amazfit Bip Resource creator; andare su File -> Open; selezionare il file Mili_chaohu.res da modificare; selezionare le watchfaces tra quelle disponibili; click su File -> Save; utilizzare Gadgetbridge per installare il file appena modificato come descritto in questa guida. Attenzione: il tool è ancora in fase sperimentale. A seconda delle watchfaces selezionate potrebbe capitare che parti della traduzione vengano alterate in altre lingue. Dato l'interesse per i prodotti AmazFit abbiamo creato un gruppo Telegram ad hoc per tutti i dispositivi dell'azienda!LINK----> https://t.me/joinchat/BUSoOUHsp_V3WXG4pXamKQ
×