Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'twrp'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Primi passi
    • Presentazioni
    • Comunicazioni dallo Staff
    • Suggerimenti & Proposte
  • Smartphone
    • Nubia
    • Xiaomi
    • Lenovo
    • Huawei
    • LeTV / LeEco
    • OnePlus
    • 360
    • Oppo
    • Smartisan
    • Meizu
    • ASUS
    • Vivo
    • Altri Brand
  • SmartWatch and SmartHome
    • Xiaomi - Huami Amazfit
    • Wear OS By Google
    • Altri Brand
  • Tablet e Ultrabook
    • Chuwi
    • Cube
    • Huawei
    • Onda
    • Pipo
    • Teclast
    • Xiaomi
    • Altri Brand Tablet
  • Stampa 3D
    • Discussioni generali
    • Stampanti 3D
  • Teardown
    • I Nostri Teardown
  • Sistemi Operativi
    • Android
    • Microsoft
    • Ubuntu Linux
    • Leaked ROM
  • Off Topic
    • Discussioni Android
  • Mercatino
    • VENDO
    • COMPRO
    • SCAMBIO
  • Store
    • Codici sconto

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Città 


Interessi


Smartphone in uso

Found 126 results

  1. Se GizChina.it è diventato un punto di riferimento per gli appassionati di telefonia cinese è merito anche del progetto GizROM, purtroppo abbandonato alla fine del 2014. Nei primi travagliati mesi di vita del nostro blog quella serie di ROM custom, dedicata a smartphone con chip Mediatek, ha donato un tocco di italianità a molti dispositivi contribuendo a creare quella base di utenti che ci ha permesso di crescere. Il progetto, che è stato inattivo per più di due anni, è sempre rimasto nel cuore e nella mente dello staff di GizChina.it. Oggi, finalmente, GizROM sta rinascendo grazie al contributo di Francko76, primo membro del rinnovato GizROM team! La nuova ROM nasce con l'intento di offrire un mix equilibrato di personalizzazioni, flessibilità e performance e, a differenza del passato, prevede anche il supporto a dispositivi con SoC Qualcomm Snapdragon e una futura implementazione degli aggiornamenti OTA. A fianco della GizROM stock (basata sui firmware ufficiali ed aggiornata seguendo le tempistiche dettate dai vari produttori) sono poi nate la custom edition, rilasciate dal nostro team utilizzando il codice della Lineage OS e della Resurrection Remix e aggiornate ogni 15 giorni. Tutte le GizROM hanno l'app di GizChina.it preinstallata. Smartphone supportati nubia Z11 GizROM (nubiaUI); GizROM Lineage OS Edition; GizROM Resurrection Remix Edition; GizROM Pixel Edition; GizROM alfa Nougat; GizROM alfa UI5. nubia Z11 mini S GizROM (nubiaUI). nubia Z11 mini GizROM (nubia UI). nubia Z11 Max GizROM (nubia UI). nubia M2 GizROM (nubiaUI). ZUK Z2 GizROM (ZUI 2.5 Nougat). ZUK Z2 Pro GizROM (ZUI 2.5 Nougat). ZUK Edge GizROM (ZUI 2.3 Marshmallow); GizROM 2 (ZUI 2.5 Nougat). La lista può apparire scarna, ma il progetto è destinato ad ampliarsi. Per maggiori dettagli su funzionalità e installazione vi rimandiamo ai topic GizROM ufficiali per il vostro dispositivo.
  2. Con questa guida potrete installare la famosa custom recovery TWRP ed ottenere i permessi di root sul Oneplus 6. Le funzioni aroma installer, factory reset e system restore non funzionano su questa versione non ufficiale. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Vantaggi di avere una custom recoverty e ottenere i permessi di root Con i permessi di root è possibile eliminare facilmente il bloatware incorporato dai produttori negli smartphone e quindi liberare spazio sul device; Potremo effettuare backup usando app come Titanium Backup o direttamente da TWRP (nandroid). Sarà possibile modificare alcune impostazioni di sistema come i file build.prop; La TWRP ci consente un facile rooting e unrooting del device. Il flash di SuperSu da recovery custom è infatti uno dei metodi più sicuri per ottenere i permessi di root. La TWRP permette l'installazione di custom rom; In alcuni casi sarà possibile velocizzare il telefono overcloccando il processore o la gpu; Installando Xposed potremo personalizzare ancora di più lo smartphone. Prerequisiti Bootloader sbloccato; PC e cavo USB; ADB e fastboot installati ; File per il flash Procedura Installate, se non li avete già system wide sul PC, adb e fastboot; Scaricate il file twrp.img sul PC; Copiate boot.img , root.zip, TWRP-BLUE-FIX.zip, e TWRPWorkingInstaller.zip sul telefono; Aprite un prompt dei comandi (start e "CMD ") e posizionatevi nella directory in cui avete messo la TWRP; lanciate i seguenti comandi: adb devices se questo comando non ritorna nulla dovete verificare che i driver siano installati correttamente, in caso contrario procediamo con l'installazione adb reboot bootloader riavvierà il dispositivo in modalità fastboot fastboot flash boot_a twrp.img fastboot flash boot_b twrp.img fastboot boot twrp.img riavvierà in recovery TWRP; Impostate la lingua in inglese (terzo quadrato a destra, quindi premere sul "globo" e cambiare la lingua) e, se richiesto, inserite il vostro PIN/password del blocco schermo per accedere alla memoria; A questo punto cambiate lo slot della partizione usando la twrp [Riavvia -> Cambia_Slot] (ad esempio, se ti trovi nello slot A, cambiala nello slot B e viceversa); Dal menu install selezionate "install image", quindi il file boot.img e fate swipe verso destra per installarlo; Installate adesso (rispettando l'ordine) TWRPWorkingInstaller.zip, TWRP-BLUE-FIX.zip e Root.zip; Riavviate lo smartphone. Fonte XDA
  3. Chi ha esperienza in ambito modding non si lascia intimorire dalla necessità di dover utilizzare istruzioni da linea di comando, ma la possibilità di eseguire alcune delle operazioni più comuni da interfaccia grafica è senza dubbio attraente anche per i più smaliziati. In questa guida vi mostreremo i passi da seguire per installare ed utilizzare un utile tool all-in one sviluppato dall'utente mauronofrio del forum di XDA, pensato per gran parte dei dispositivi Nexus, OnePlus, LeEco e Zuk ma in grado di eseguire operazioni adb e fastboot su molti altri device attraverso la modalità Generic Phone. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Prerequisiti Il tool; un PC; un cavo USB per collegare il telefono al PC. Procedura Scaricare lo zip del tool sul PC; click con il tasto destro sul pacchetto -> Proprietà; fare click su "Annulla blocco" (se presente, in caso contrario passare al punto successivo); estrarre il file del tool; avviare il file setup.exe che si trova tra i file appena estratti; completare l'installazione seguendo la procedura guidata; il programma si avvierà da solo, alla voce "Select phone" impostare il terminale; click su "Install driver" (necessario solo la prima volta che si usa il tool, potrebbe essere utile la disattivazione della verifica firma di Windows); da telefono acceso, andare su "Impostazioni-> Informazioni telefono" ed effettuare tap ripetuti sul Numero di Build per abilitare la modalità sviluppatore; entrare in "Opzioni sviluppatore" ed abilitare il debug USB e lo sblocco OEM (se presente); collegare il telefono al PC; click su "check"; click su "reboot in Fastboot-Bootloader mode"; sbloccare il bootloader (Unlock); installare la TWRP (Flash TWRP). Il tool permette inoltre il flash della recovery originale e del firmware stock per alcuni dei modelli supportati, mentre nella sezione "Advanced Options" sono disponibili altre funzioni utili ai più esperti (ad esempio il flash delle singole partizioni). Segnaliamo inoltre che le ultime versioni del tool hanno aggiunto la possibilità di installare uno zip direttamente da computer utilizzando il recovery zip flasher, che richiede ovviamente la presenza di una recovery TWRP sul device. Ricordiamo infine che il flash di una factory image porta alla perdita di tutti i dati e che eventuali problemi di installazione del tool sono spesso risolvibili aggiornando il framework Microsoft .NET. Ecco per concludere la lista dei dispositivi compatibili: Fonte
  4. Grazie al contributo di diversi sviluppatori è finalmente possibile avere sul nostro Asus Zenfone 2 la custom recovery TWRP. La guida in questione si dividerà in due parti: La prima parte, chiamata TETHERED, è dedicata ha chi ha il bootloader bloccato e nessuna intenzione di sbloccarlo. La particolarità di questa procedura è quella di dover essere effettuata di nuovo ad ogni riavvio del dispositivo perché la scrittura della recovery è solo temporanea ed è atta a cercare di preservare la garanzia nonostante l'utente apporti modifiche al sistema. Ci teniamo a precisare che con ciò non intendiamo che non avrete problemi di garanzia ma che, in caso di problemi del terminale, potrebbe essere preso in riparazione; La seconda parte, chiamata UNTETHERED, necessita di bootloader sbloccato in quanto andrà a scrivere la recovery in modo permanente. IMPORTANTE: Ad ogni nuovo aggiornamento OTA bisognerà flashare di nuovo la recovery stock. Le procedure qui descritte comportano un rischio brick per il proprio terminale, pertanto noi di GizChina.it non ci riteniamo responsabili per eventuali danni. RECOVERY TETHERED FEATURE Compilata con il codice sorgente della CM12; Ottimizzata per processori x86 (UI più fluida); Memoria interna ed esterna vengono montate correttamente; Possibilità di effettuare il backup della partizione di boot, system, cache e data; Supporto a SELINUX ed alla crittazione. BUGS L'opzione per montare la memoria USB non funziona correttamente; A volte la funzione Backup e Ripristino si bloccano pertanto se ne sconsiglia l'utilizzo. PROCEDIMENTO Scaricate da questo indirizzo il file per la recovery CWM Tethered; Sostituite il file recovery.zip, presente nell'archivio appena scaricato nella cartella "FB_RecoveryLauncher", con questo; Fate iniziare la procedura avviando il file "cai_dat_CWM.bat"; Scrivete ACCEPT in maiuscolo e premete INVIO; Scrivete T4 e premete di nuovo INVIO. CONSIGLI Settare il timezone al primo avvio potrebbe fixare la funzionalità di Backup e Restore; Sconnettere il cavo USB prima di effettuare operazioni di Backup e/o Ripristino. RECOVERY UNTHETERED FEATURE Compilata con il codice sorgente della CM12; Ottimizzata per processori x86 (UI più fluida); Memoria interna ed esterna vengono montate correttamente; Possibilità di effettuare il backup della partizione di boot, system, cache e data; Supporto a SELINUX ed alla crittazione; Kernel compilato con il SELINUX permissivo; Aggiunto il supporto all' USB-OTG (il supporto al file system NTFS è ancora in Beta); Possibilità di creare una Splashscreen personalizzata; I files .img possono essere aggiornati direttamente da Recovery; F2FS supportato da lato Kernel. BUG MTP non funziona.PROCEDIMENTO METODO 1 Sbloccare il bootoloader; Ottenere i permessi di Root; Scaricate il file twrp.img da questo link relativo al vostro dispositivo e copiatelo nella vostra cartella ADB: Rinominate il file in "twrp.img"; Aprire il Promp dei Comandi (o in alternativa utilizzare un Terminal Emulator da dispositivo) e digitare: su dd if=/sdcard/twrp.img of=/dev/block/by-name/recovery reboot recovery METODO 2 Sbloccate il bootloader; Scaricate il file twrp.img da questo link relativo al vostro dispositivo e copiatelo nella vostra cartella ADB del computer: Rinominate il file in "twrp.img"; Riavviate il dispositivo in "fastboot" tenendo premuto Vol + ed il pulsante di accensione fino a sentire una vibrazione. A quel punto rilasciare solo il tasto di accensione fino a visualizzare la schermata di fastboot. Il tutto va eseguito da telefono spento; Da Prompt dei Comandi digitare il seguente comando fastboot: fastboot flash recovery twrp.img Terminata la procedura premete Vol - due volte finché non comparirà "Reboot Recovery". Confermate premendo una volta il tasto di accensione per entrare in recovery; METODO 3 (solo per aggiornare la recovery TWRP gia installata) Copiate il file .img relativo al vostro modello ed entrate nella recovery; Tappate su "Install zip" e selezionate "Images" in basso a destra per vedere il file .img copiato in precedenza; Selezionate "Recovery" ed infine premete su "OK". Fonte: XDA
  5. Ecco la guida completa per sbloccare il bootloader, installare la TWRP e ottenere i permessi di root sul nuovo ASUS Zenfone 4, nome in codice ZE554KL! Il tutorial è compatibile sia con la versione Snapdragon 630 che con quella Snapdragon 660, ma lo sblocco del bootloader porterà alla perdita di tutti i dati. Prima di procedere con la guida consigliamo dunque di effettuare un backup Prerequisiti ASUS Zenfone 4 ZE554KL con almeno il 70% di batteria; PC Windows e cavo USB; pacchetto GizFlasher. Procedura IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Sblocco bootloader e flash recovery Andare su "Impostazioni-> Informazioni telefono" ed effettuare tap ripetuti sul Numero di Build per abilitare la modalità sviluppatore; tornare sulla schermata prinicipale delle impostazioni, dovrebbe essere presente la voce "Opzioni sviluppatore"; entrare in "Opzioni sviluppatore" ed abilitare il debug USB; scaricare ed estrarre il tool sul PC; avviare autorun.zip ed eseguire l'installazione (saltare questo passaggio se adb e fastboot sono giù installati system wide sul PC); con telefono acceso collegato al computer, eseguire "GizFlasher.bat" presente nella cartella del pacchetto (in caso di problemi provare con e senza modalità amministratore); se richiesto, accettare dal telefono la connessione adb; selezionare 1 per sbloccare il bootloader sul modello con Snapdragon 630, digitare invece 2 per il modello Snapdragon 660; riavviare il device; selezionare 3 per eseguire il flash della TWRP o 4 se si desidera effettuare solo una volta il boot da TWRP, lasciando la recovery stock come default. Root (opzionale) Assicurarsi di essere in TWRP (dovrebbe avviarsi al termine della prima parte della guida) ; tap su Avanzate; tap su ADB sideload e swipe per abilitarlo; avviare il tool e selezionare 5; premere un tasto; attendere il flash e il riavvio del dispositivo. Ringraziamo il dev shakalaca per aver reso nota la procedura!
  6. Quest'oggi vi proponiamo una guida utile ad ottenere i permessi di root sui dispositivi Huawei, appartenenti alla serie P9 e quindi: P9 Standard; P9 Plus; P9 Max; P9 Lite. Vediamo insieme come fare. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Requisiti: Effettuate il backup dei vostri dati; seguite la procedura di sblocco del bootloader; attivate la modalità "USB Debugging": Impostazioni > Opzioni sviluppatore > "USB Debugging"; ADB e fastboot installati sul proprio PC. Guida: Per iniziare, dobbiamo installare sul nostro Huawei P9 la TWRP 3.0 seguendo le indicazioni sottostanti: Effettuate il download e l'estrazione dei file dal "ROOT-TWRP-HUAWEI P9.zip"; una volta estratti i file, avviamo "TWRP-HUAWEIP9.bat"; spegnete lo smartphone; accendete il dispositivo in modalità Fastboot (Volume down + Power); collegate lo smartphone al vostro PC; premere Invio per 2 volte nella casella di Prompt dei comandi. La recovery partirà in automatico e riavvierà il dispositivo. Una volta effettuata questa procedura, passiamo alla fase successiva, ossia quella di ottenere i permessi di root. Dal file "ROOT-TWRP-HUAWEI P9.zip" estraiamo "BETA-SuperSU-v2.65.zip" e copiamolo sul nostro smartphone; spegnete lo smartphone; accendete il dispositivo in modalità Recovery (Volume up + Power); procedete all'installazione del file "BETA-SuperSU-v2.65.zip"; riavviate il dispositivo. Una volta terminata anche questa operazione, lo smartphone Huawei P9 avrà i permessi di root e potrete sbizzarrire la vostra fantasia nel personalizzare ogni singolo aspetto del vostro dispositivo.
  7. Emanuele C

    Honor 6C: TWRP e root

    L'installazione della TWRP rappresenta un passo fondamentale verso il modding anche per i device Android di fascia medio-bassa come Honor 6C. In questa guida vi mostreremo come eseguire il flash della nota recovery custom sfruttando, come da tradizione, un comodo file .bat in grado di automatizzare tutte le operazioni da riga di comando. Prerequisiti Huawei Honor 6C con almeno il 70% di batteria; backup dei dati effettuato; bootloader sbloccato (potete seguire questa guida); PC Windows e cavo USB; pacchetto SuperSu; pacchetto GizFlasher. Procedura IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Flash recovery Andare su "Impostazioni-> Informazioni telefono" ed effettuare tap ripetuti sul Numero di Build per abilitare la modalità sviluppatore; tornare sulla schermata "Altro" delle impostazioni, dovrebbe essere presente la voce "Opzioni sviluppatore"; entrare in "Opzioni sviluppatore" ed abilitare il debug USB e lo sblocco OEM; scaricare ed estrarre il tool sul PC; avviare autorun.zip ed eseguire l'installazione (saltare questo passaggio se adb e fastboot sono giù installati system wide sul PC); con telefono acceso collegato al computer, eseguire "GizFlasher.bat" presente nella cartella del pacchetto (in caso di problemi provare con e senza modalità amministratore); se richiesto, accettare dal telefono la connessione adb; selezionare 1 per eseguire il flash della TWRP. Root con SuperSU Copiare il pacchetto SuperSU sul telefono; riavviare in TWRP (da telefono spento premere contemporaneamente e a lungo i tasti power e Volume + con il cavo USB non connesso); tap su installa; selezionare il pacchetto copiato in precedenza; riavviare; il telefono si riavvierà un paio di volte, attendere; tra le app sarà adesso presente SuperSU. Fonte
  8. Emanuele C

    TWRP, Gapps e root per Nubia Z17

    Il nostro GizROM team non ha ancora avuto la possibilità di mettere le mani sul nuovo Nubia Z17, ma ne resto del mondo le community di sviluppatori si sono già messe in moto per rendere possibile un po' di modding su questo device. Come al solito i primi sforzi si sono concentrati nel tentativo di creare una versione adatta di TWRP e nell'ottenere i permessi di root, ecco la la procedura trovata condensata in un semplice tool! Prerequisiti Nubia Z17 NX563J con almeno il 70% di batteria; PC Windows e cavo USB; pacchetto GizFlasher; OpenGapps (ARM64, 7.1, full). Procedura IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Flash recovery Andare su "Impostazioni-> Informazioni telefono" ed effettuare tap ripetuti sul Numero di Build per abilitare la modalità sviluppatore; tornare sulla schermata "Altro" delle impostazioni, dovrebbe essere presente la voce "Opzioni sviluppatore"; entrare in "Opzioni sviluppatore" ed abilitare il debug USB e lo sblocco OEM; digitare *#7678# sul dialpad e verificare che tutte le voci siano selezionate; scaricare ed estrarre il tool sul PC; avviare driver.zip ed eseguire l'installazione; avviare autorun.zip ed eseguire l'installazione (saltare questo passaggio se adb e fastboot sono giù installati system wide sul PC); con telefono collegato al computer, eseguire "GizFlasher.bat" presente nella cartella del tool (in caso di problemi provare con e senza modalità amministratore); selezionare 1 per sbloccare il bootloader, il device si riavvierà in fastboot; una volta sbloccato il bootloader, con il telefono sempre collegato in fastboot, selezionare 2 per eseguire il flash della TWRP. Root (prerequisito necessario per installare pacchetti zip) Riavviare il telefono in TWRP (premere contemporaneamente e a lungo i tasti power e Volume +); selezionare una lingua intellegibile; andare su Avanzate -> Tool e fare tap su Root; riavviare il device. Installazione Gapps Copiare l'ultimo pacchetto Open Gapps sulla memoria del device; riavviare in recovery (da telefono spento premere contemporaneamente e a lungo il tasto Power e quello Volume +); installare da TWRP il pacchetto openGapps; riavviare il telefono. Fonte
  9. Anche nubia M2 si appresta ad entrare nel novero dei device supportati dal nostro progetto GizROM. Per spianare la strada al rilascio delle nostre ROM custom per questo modello il nostro team ha deciso di rendere pubblica la sua versione personalizzata di recovery TWRP (versione 3.0.2-0). In questa guida vi mostreremo dunque come sbloccare il bootloader, installare la nostra GizTWRP e ottenere i permessi di root tramite il flash di SuperSU. Prerequisiti nubia M2 con batteria carica almeno al 70%; effettuare un backup di tutti i dati; PC Windows e cavo USB; pacchetto GizFlasher; ultimo pacchetto zip SuperSU. Attenzione: la guida non è compatibile con le ultime ROM internazionali, se è il vostro caso seguite questa procedura. Procedura IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Andare su "Impostazioni -> Informazioni sul dispositivo" eseguire tap ripetuti su "Numero build" per sbloccare la modalità sviluppatori; entrare in "Opzioni sviluppatore" e abilitare il debug USB e "Sblocco OEM"; scaricare ed estrarre lo zip di GizFlasher sul PC; avviare autorun.exe e dare "yes" ad ogni domanda (non necessario se avete già adb e fastboot installati system-wide); doppio click su "GizFlasher.bat"; digitare 1 e dare invio per sbloccare il bootloader (dare conferma sul telefono se richiesta); attendere il riavvio del telefono; digitare 2 e dare invio per installare la TWRP; il telefono si riavvierà con la nota recovery custom. Ottenere i permessi di root (opzionale) Copiare lo zip di SuperSU sul telefono; spegnere il device; riavviare in recovery (premere contemporaneamente per 10 secondi i tasti power e volume su); installare lo zip e riavviare.
  10. Il GizChina ROM Project ha deciso di fare la sua parte e, dopo aver rilasciato delle ROM per tutti i modelli ZUK, ha stretto una collaborazione con il gruppo LeITA per offrire ROM custom anche per LeEco. Ecco la prima ROM nata da questo impegno, la GizROM per LeEco Le 2 X52X! Qui una breve lista delle modifiche apportate: Root preinstallato tramite Magisk; Rimosse tutte le app cinesi; Rimosse tutte le app LeEco riguardanti il Cloud; Tradotta app del meteo; Aggiunte Gapps base; Aggiunto Launcher con possibilità di scegliere se avere drawer o meno; Aggiunto Chrome; Modificati livelli di luminosità automatica per un migliore equilibrio (e autonomia); Aggiunte alcune voci nelle impostazioni: Opzioni di Riavvio, Registratore Schermo, Congela Applicazioni, Wifi-Codice Qr, Blocca Pubblicità; Aggiunta voce in Impostazioni/Display per modificare i caratteri; Aggiunta voce in Impostazioni/Batteria per la calibrazione della batteria; Aggiunta app per la lettura dei codici QR; Rimossa app per l'aggiornamento delle app LeEco rimaste; Sbloccato il led di notifica che potrà essere personalizzato con app tipo Light Manager; Rimossa voce pagine gialle dal dialer; Aggiunto il Big Dialer; Aggiunta voce per la protezione degli occhi; I toggle che riportavano ad app LeEco non più presenti sono stati reindirizzati ad app di uso comune; Aggiunti Splash e Bootanimation tradotti. Nonostante i test interni la GizROM potrebbe presentare qualche bug. Feedback e segnalazioni sono sempre graditi. Changelog Screenshot Installazione
  11. L'installazione di una recovery custom come la TWRP rappresenta un passaggio fondamentale per il modding di qualsiasi device Android, e Huawei P8 lite 2017 non fa certo eccezione. In questa guida vi mostreremo come eseguire il flash della TWRP 3.1.1-2 sfruttando, come da tradizione, un comodo file .bat in grado di automatizzare tutte le operazioni da adb e fastboot. Prerequisiti Huawei P8 lite 2017 con almeno il 70% di batteria; bootloader sbloccato (potete seguire questa guida); PC Windows e cavo USB; pacchetto SuperSu; pacchetto GizFlasher. Procedura IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Flash recovery Andare su "Impostazioni-> Informazioni telefono" ed effettuare tap ripetuti sul Numero di Build per abilitare la modalità sviluppatore; tornare sulla schermata "Altro" delle impostazioni, dovrebbe essere presente la voce "Opzioni sviluppatore"; entrare in "Opzioni sviluppatore" ed abilitare il debug USB e lo sblocco OEM; scaricare ed estrarre il tool sul PC; avviare autorun.zip ed eseguire l'installazione (saltare questo passaggio se adb e fastboot sono giù installati system wide sul PC); con telefono acceso collegato al computer, eseguire "GizFlasher.bat" presente nella cartella del pacchetto (in caso di problemi provare con e senza modalità amministratore); se richiesto, accettare dal telefono la connessione adb; selezionare 1 per eseguire il flash della TWRP. Root (opzionale) Copiare il pacchetto SuperSU sul telefono; riavviare in TWRP (da telefono spento premere contemporaneamente e a lungo i tasti power e Volume + con il cavo USB non connesso); tap su installa; selezionare il pacchetto copiato in precedenza; riavviare; il telefono si riavvierà un paio di volte, attendere; tra le app sarà adesso presente SuperSU. Fonte
  12. Emanuele C

    GizROM 4.1 Oreo (ZUI 3.5) per ZUK Z2

    A lungo desiderata da molti, ecco finalmente la nuova GizROM 4.1 per ZUK Z2 basata sulla ZUI 3.5 OREO! La ROM, ennesima fatica del nostro Francko76, è valida sia per gli Z2 indiani che per quelli cinesi e riprende il nuovo firmware originale aggiungendo quel "pizzico di italianità" tipico delle GizROM. La lista delle caratteristiche di questa prima versione include una localizzazione in italiano completamente nuova, magisk, app nubia per Musica e video e la rimozione delle app cinesi. Le Gapps sono preinstallate, così come l'assistente Google e Weather M8. Grazie al bootloader modificato e ai file thermal, inoltre, la ROM può contare su temperature e consumi decisamente inferiori a quelli della stock di base. La ROM, nonostante i nostri test interni, potrebbe non essere priva di bug. Feedback e segnalazioni, come sempre, sono graditi. Changelog Installazione Vi piacciono le nostre GizROM e desiderate che vengano rilasciati aggiornamenti? Le donazioni Paypal sono una misura dell'interesse da parte della community!
  13. morenop6

    Mi 8 dopo LineageOS, ripristino?

    Salve a tutti. Ho un mi 8 e ho deciso di metterci su la twrp con lineage os 16. Dopo qualche giorno mi sono accorto che non fa per me e vorrei tornare alla MIUI. Avendo perso il backup, come faccio? Non so quali passaggi effettuare. Al momento ho i permessi di root e il bootloader sbloccato, come agisco?
  14. Presentiamo oggi un piccolo tool per velocizzare lo sblocco del bootloader e il flash della twrp sviluppato dal LeITAGroup (lo stesso che sviluppa le GizROM per i dispositivi LeEco). Prima di procedere, ricordatevi di non riavviare mai il telefono da comandi adb e/o fastboot, potreste brikkare il vostro telefono. Sblocco del Bootloader: Scaricare il tool dal link in basso; Estrarre il tool; Attivare il debug usb nelle Opzioni Sviluppatore; Riavvia il device in fastboot mode manualmente, tenendo premuti tasto accensione e volume- contemporaneamente; Collegare il device al pc ed aprire il file "X62X_TOOL.bat" o se non presente il file "X62X_TOOL"; Scrivere 1 e premere INVIO; Il tool provvederà a mandare il comando di sblocco del bootloader; Dopo aver sbloccato il bootloader riavviate il telefono tenendo premuto il tasto accensione per 10 secondi circa. Flash della TWRP: Scaricare il tool dal link in basso; Estrarre il tool; Bisogna aver Sbloccato il Bootloader; Riavvia il device in fastboot mode manualmente, tenendo premuti tasto accensione e volume- contemporaneamente; Collegare il device al pc ed aprire il file "X62X_TOOL.bat" o se non presente il file "X62X_TOOL"; Scrivere 2 e premere INVIO; Il tool provvederà a mandare il comando per flashare la TWRP; Dopo il flash della TWRP riavviate il telefono in recovery tenendo premuti il tasto accensione e volume+. ATTENZIONE: se dopo aver sbloccato il bootloader o flashato la twrp, nella schermata del tool, leggete una scritta "FAILED" o comunque qualcosa che vi faccia capire che il processo non è avvenuto, rileggete la guida e nel caso chiedete aiuto in questo thread. DOWNLOAD Donazioni: Se il nostro lavoro vi è piaciuto scegliendo la 3 opzioni potrete fare una donazione, Grazie in anticipo
  15. In questa guida odiarna vedremo come installare la recovery TWRP ed ottenenre i permessi di root su Doogee X5. ATTENZIONE: è doveroso da parte nostra ricordarvi che lo staff di GizChina.it non si assume alcuna responsabilità relativa ad eventuali danni dovuti all'esecuzione delle seguenti indicazioni. Requisiti Scaricate tutti i file necessari da qui; decomprimete i file .zip dove volete; installate il driver per far riconoscere il Doogee X5 al PC Windows utilizzando 01-Android_CDC_Driver; cliccate con il tasto destro del mouse e installate entrambi i file .inf (se usate Windows 8 o 10, è necessario abilitare l'installazione dei driver senza firma sfruttando la nostra guida). Procedura Aprire il programma SP Flash Tool con diritti di amministratore attraverso la dicitura "Esegui come amministratore" dal tasto destro del mouse; nella sezione Download, scegliere i file come riportato nell'immagine sottostante; spegnete lo smartphone nel caso in cui non lo aveste già fatto; cliccate sul pulsante Download e attendete la conclusione dell'operazione; riavviate il telefono e collegatelo al PC; copiate il file 05-SuperSU-v2.46.zip in una cartella qualsiasi del Doogee X5, ad esempio in Download nella scheda SD o nello storage interno, spegnete lo smartphone; premete contemporaneamente i tasti volume+ e di accensione; scegliete Recovery seguendo le opzioni; installate 05-SuperSU-v2.46.zip; a questo punto il vostro X5 dovrebbe avere ottenuto i permessi di root correttamente. Potete controllare se tutto è andato per il verso giusto scaricando l'applicazione Root Checker dal Play Store. Se il Play Store non viene avviato correttamente dopo il processo di rooting, recatevi nelle Impostazioni dell'app e svuotate la cache e i dati.
  16. Samin Sikong

    TWRP: Nubia M2 Lite _Stable

    Nubia M2 Lite TWRP 3.1.0 Link: https://mega.nz/#!OlYXQC6Y!taqhVmTirGip-z_z_6JKM9yYD7KQ5xR-ie1AM9wqVds
  17. Il GizChina ROM Project ha deciso di fare la sua parte e, dopo aver rilasciato delle ROM per tutti i modelli ZUK, ha stretto una collaborazione con il gruppo LeITA per offrire ROM custom anche per LeEco. Ecco la prima ROM nata da questo impegno, la GizROM per LeEco Le 2 X62X! Qui una breve lista delle modifiche apportate: Root preinstallato tramite Magisk; Rimosse tutte le app cinesi; Rimosse tutte le app LeEco riguardanti il Cloud; Tradotta app del meteo; Aggiunte Gapps base; Aggiunto Launcher con possibilità di scegliere se avere drawer o meno; Aggiunto Chrome; Modificati livelli di luminosità automatica per un migliore equilibrio (e autonomia); Aggiunte alcune voci nelle impostazioni: Opzioni di Riavvio, Registratore Schermo, Congela Applicazioni, Wifi-Codice Qr, Blocca Pubblicità; Aggiunta voce in Impostazioni/Display per modificare i caratteri; Aggiunta voce in Impostazioni/Batteria per la calibrazione della batteria; Aggiunta app per la lettura dei codici QR; Rimossa app per l'aggiornamento delle app LeEco rimaste; Sbloccato il led di notifica che potrà essere personalizzato con app tipo Light Manager; Rimossa voce pagine gialle dal dialer; Aggiunto il Big Dialer; Aggiunta voce per la protezione degli occhi; I toggle che riportavano ad app LeEco non più presenti sono stati reindirizzati ad app di uso comune; Aggiunti Splash e Bootanimation tradotti. Nonostante i test interni la GizROM potrebbe presentare qualche bug. Feedback e segnalazioni sono sempre graditi. Changelog Screenshot Installazione
  18. mauronofrio

    GizROM 1.0 (26s) per LeEco Cool 1

    Il GizChina ROM Project ha deciso di fare la sua parte e, dopo aver rilasciato delle ROM per tutti i modelli ZUK, ha stretto una collaborazione con il gruppo LeITA per offrire ROM custom anche per LeEco. Ecco una nuova ROM nata da questo impegno, la GizROM per LeEco Cool 1! Qui una breve lista delle modifiche apportate: Rimosse tutte le app cinesi; Rimosse tutte le app LeEco riguardanti il Cloud; Tradotta app del meteo; Aggiunte Gapps base; Aggiunto Launcher con possibilità di scegliere se avere drawer o meno; Aggiunto Chrome; Aggiunte alcune voci nelle impostazioni: Registratore Schermo, Wifi-Codice Qr; Aggiunta app per la lettura dei codici QR; Rimossa app per l'aggiornamento delle app LeEco rimaste; Sbloccato il led di notifica che potrà essere personalizzato con app tipo Light Manager; Aggiunto il Big Dialer tondo; I toggle che riportavano ad app LeEco non più presenti sono stati reindirizzati ad app di uso comune; Nonostante i test interni la GizROM potrebbe presentare qualche bug. Feedback e segnalazioni sono sempre graditi. Changelog Screenshots Installazione ATTENZIONE Il LeEco Cool 1 è un device un po' particolare, il bootloader non è sbloccabile. Per questo piccolo ostacolo se andrete a modificare il kernel del telefono (boot.img), la visualizzazione si imposterà in automatico su ZOOM e non sarà possibile rimetterla su standard in alcun modo se non formattando di nuovo tutto. A causa di questo problemino abbiamo deciso di non includere nel telefono i permessi di root perchè vanno a modificare il kernel, tuttavia se voleste metterlo potete tranquillamente scaricare e flashare da recovery magisk che potete reperire da QUI . Se avete intenzione di fare il root e quindi di installare magisk fatelo subito dopo la rom così la memoria non si cripterà e non avrete altri problemi di questo tipo. Ricordatevi che oltre a magisk dovete installare anche magisk manager una volta che il telefono è avviato, lo trovate sempre al link di su.
  19. Sul Play Store è possibile trovare decine di app che permettono la registrazione delle chiamate, ma raramente queste possono competere in comodità con i dialer integrati da alcuni produttori che presentano nativamente questa funzione. Questa guida mostra come installare il callrecoder Huawei potenzialmente in qualsiasi device recente del colosso cinese, anche se al momento è stata testata (sempre con successo) solo su P10, P10 Plus e P9. Feedback relativi a prove su altri device sono graditi. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Prerequisiti Device Huawei; TWRP installata; pacchetto Huawei Callrecorder o Callrecorder per Oreo. Procedura Copiare il pacchetto zip nella memoria del telefono; spegnere il device e riavviarlo in TWRP (premere contemporaneamente e a lungo i tasti power e volume meno); tap su "Installa"; selezionare il pacchetto copiato al punto 1 e fare uno swipe per installare; riavviare il device. Fonte
  20. La serie P di Huawei è ormai diventata un punto di riferimento nel mondo mobile, e non sorprende quindi che per P10 e P10 Plus siano già state sviluppate le relative recovery TWRP. Grazie a queste recovery custom, lo ricordiamo, è possibile installare tutte le mod più comuni (ad esempio Xposed o Viper4Android) e ottenere i permessi di root. Per effettuare la procedura di flash della TWRP è necessario, come da abitudine, il bootloader sbloccato. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Prerequisiti Huawei P10 o P10 Plus; bootloader sbloccato; cavo USB; adb e fastboot installati sul PC; pacchetto GizFlasher; SuperRoot_noverity_nocrypt; phh’s SuperUser.apk. Procedura Scaricare ed estrarre sul PC il pacchetto GizFlasher; copiare “SuperRoot_noverity_nocrypt.zip” sul telefono; andare su "Impostazioni -> Informazioni sul dispositivo" eseguire tap ripetuti su "Numero build" per sbloccare la modalità sviluppatori; entrare in "Opzioni sviluppatore" e abilitare il debug USB e "Sblocco OEM"; avviare DriverSetup.exe e concedere i permessi richiesti; avviare GizFlasher.bat; digitare 1 per Huawei P10 o 3 per P10 Plus e attendere il flash della TWRP; il telefono si riavvierà in recovery, impostare la lingua; mantenere system in read only; installare lo zip di SuperRoot; riavviare il telefono senza installare l'app di TWRP; installare il SuperUser dal Play store; in alternativa abilitare le origini sconosciute dalle impostazioni di sicurezza, scaricare “phh’s SuperUser.apk” e installarlo dal gestore file. Fonte
  21. Il 2017 è stato un anno di grandi novità ma anche di enormi delusioni nel mondo della telefonia cinese. I fenomeni ZUK e LeEco, i brand che più hanno entusiasmato gli appassionati per il loro rapporto qualità-prezzo, si sono infatti esauriti tanto improvvisamente quanto inaspettatamente. Per fortuna l'interesse della community, rinverdito anche dalle tante offerte che i rivenditori internazionali hanno promosso (e propongono tuttora), si è mantenuto elevato e giustifica gli sforzi degli sviluppatori indipendenti nel campo del modding. Anche il GizChina ROM Project ha deciso di fare la sua parte e, dopo aver rilasciato delle ROM per tutti i modelli ZUK, ha stretto una collaborazione con il gruppo LeITA per offrire ROM custom anche per LeEco. Ecco la prima ROM nata da questo impegno, la GizROM per LeEco Le 3 Pro x720! Qui una breve lista delle modifiche apportate: Root preinstallato tramite Magisk; Rimosse tutte le app cinesi; Rimosse tutte le app LeEco riguardanti il Cloud; Tradotta app del meteo; Aggiunte Gapps base; Aggiunto Launcher con possibilità di scegliere se avere drawer o meno; Aggiunto Chrome; Modificati livelli di luminosità automatica per un migliore equilibrio (e autonomia); Aggiunte alcune voci nelle impostazioni: Opzioni di Riavvio, Registratore Schermo, Congela Applicazioni, Wifi-Codice Qr, Blocca Pubblicità; Aggiunta voce in Impostazioni/Display per modificare i caratteri; Aggiunta voce in Impostazioni/Batteria per la calibrazione della batteria; Aggiunta app per la lettura dei codici QR; Rimossa app per l'aggiornamento delle app LeEco rimaste; Sbloccato il led di notifica che potrà essere personalizzato con app tipo Light Manager; Rimossa voce pagine gialle dal dialer; Aggiunto il Big Dialer; Aggiunta voce per la protezione degli occhi; I toggle che riportavano ad app LeEco non più presenti sono stati reindirizzati ad app di uso comune; Aggiunti Splash e Bootanimation tradotti. Nonostante i test interni la GizROM potrebbe presentare qualche bug. Feedback e segnalazioni sono sempre graditi. Changelog Screenshots Installazione IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Prerequisiti Recovery TWRP (seguire la guida fino all'installazione della TWRP); GizROM per LeEco X720; effettuare un nandroid backup (consigliato) e copiarlo su PC. Procedura Copiare la GizROM sulla memoria del telefono; Entrare in recovery (premere a lungo tasto power e volume +) Pulire le partizioni Data, System, Cache e Dalvik Cache; Installare la ROM da TWRP; Riavviare il dispositivo. Procedura Incremental Copiare l'Incremental sulla memoria del telefono; Entrare in recovery (premere a lungo tasto power e volume +) Installare l'Incremental da TWRP; Riavviare il dispositivo.
  22. INFORMAZIONI AGGIUNTIVE: Ottenere i permessi di ROOT IMPEDIRA' la ricezione di futuri aggiornamenti OTA perché questi richiedono un sistema senza modifiche. Pertanto si consiglia di verificare la presenza di eventuali aggiornamenti PRIMA di eseguire questa guida. Ad ogni modo esiste una soluzione: Effettuare il boot da recovery TWRP come mostrato nello step 3E più avanti ma NON EFFETTUATE nessun flash (3D); ora fate un backup completo della vostra ROM senza ROOT; finito il backup procedete con il flash di SuperSU. Quando verrà rilasciato un nuovo OTA dovrete: Effettuare il boot da recovery TWRP SENZA EFFETTUARE nessun flash; ripristinare il backup della vostra ROM senza ROOT effettuato in precedenza; applicare l'aggiornamento OTA da recovery stock; fare un nuovo backup della ROM aggiornata e rieseguire la procedura per l'ottenimento dei permessi. IMPORTANTE: Effettuando questa operazione si andrà a perdere ogni documento, foto, modifica o applicazione installata dopo il backup. --------------------------------------------------- Disclaimer: l'ottenimento dei permessi di ROOT non invaliderà la garanzia, anche se operazioni che potrebbero danneggiare i componenti hardware (overclocking o un hardbrick del device) lo farà. Lo staff di Gizchina.it non si assume nessuna responsabilità per eventuali danni al proprio device pertanto si SCONSIGLIA a chi poco pratico di effettuare tali operazioni, salvo essere pienamente coscienti di cosa potrebbe succedere eseguendo in modo sbagliato tali operazioni. PRIMA DI INIZIARE 1. Assicurarsi che la batteria del device non sia sotto il 50%; 2. assicurarsi che il device ed il computer comunichino correttamente; 3. Sapere come accedere alla modalita FastBoot del OnePlus X. OTTENERE I PERMESSI DI ROOT Ottenere i permessi di ROOT richiede essenzialmente solo quattro operazioni: Backup; sblocco del bootoloader; flash della custom recovery TWRP; flash del file SuperSU.zip. 1. Effettuare un backup: Effettuare un Backup prima di iniziare perchè lo sblocco del bootloader comporta un reset del device ai dati di fabbrica con conseguente perdita di tutti i file personali o applicazioni; 2. sbloccare il bootloader: 2a. Andare in Opzioni sviluppatore ed attivare l'opzione "Sblocco bootloader"; 2b. entrare in Fastboot Mode come spiegato in precedenza; 2c. attaccare il cavetto USB al computer ed al telefono; 2d. verificare che il computer ed il telefono comunichino da Prompt dei comandi con il comando: fastboot devices Se avrete una risposta positiva come mostrato in precedenza: 2e: Effettuare lo sblocco del bootloader con il comando: fastboot oem unlock Il dispositivo ora avrà il bootloader sbloccato ed eseguirà un factory reset cancellando tutti i file presenti al suo interno. Una volta avviato dovrete effettuare nuovamente la procedura di configurazione iniziale. Prima di procedere dovrete riattivare ed autorizzare il debug USB da opzioni sviluppatore come mostrato precedentemente. Inoltre consiglio già di scaricare e copiare dentro la memoria del telefono il file di SuperSu dal suo sito ufficiale; 3. flash della custom recovery TWRP: 3a. Scaricate la recovery TWRP dal sito ufficiale; 3b. Copiare il file scaricato nella cartella del Minimal ADB & Fastboot; 3c. Avviare il teelfono in fastboot Mode e collegarlo con il cavetto USB al computer; 3d. In questo step andremo a sostituire la recovery originale con una modificata. Questo passaggio è opzionale e se si vuole mantenere la recovery stock passare allo step successivo. Aprire il Promp dei comandi, navigare nella cartella del Minimal ADB & Fastboot e digitare: fastboot flash recovery twrp-3.0.2-0-onyx.img 3e. Riavviare in TWRP recovery con questo comando: fastboot boot twrp-3.0.2-0-onyx.img IMPORTANTE: Non dimenticatevi di effettuare un backup della vostra ROM Stock tappando su Backup e facendo uno swipe per confermare. Complimenti! Ora potete effettuare il ROOT dalla TWRP recovery; 4. effettuare il ROOT: 4a. Dalla TWRP recovery tappate su install; 4b. Nel finder che vi si presenterà cercate il file SuperSU scaricato e copiato in precedenza e swipate su flash; 4c. Riavviare il dispositivo. Nel drawer ora è presente una nuova app chiamata SuperSu. Apritela ed aggiornate i binari se richiesto. IMPORTANTE: Lo staff di Gizchina.it non si assume nessuna responsabilità per eventuali danni al proprio device pertanto si SCONSIGLIA a chi poco pratico di effettuare tali operazioni, salvo essere pienamente coscienti di cosa potrebbe succedere eseguendo in modo sbagliato tali operazioni. Fonte: XDA
  23. In questo nuovo tutorial andremo a vedere come installare la recovery TWRP sul nostro Redmi Pro. Il terminale dovrà avere il bootloader sbloccato e questo porterà ad un problema con la criptazione del terminale. Per risolvere tale problema bisognerà eseguire un "wipe" della partizione "data" con relativa perdita dei dati personali. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo ad utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si ritiene responsabile per eventuali danni al device. PREREQUISITI Bootloader sbloccato (per sbloccare il bootloader potete seguire la nostra guida); driver ADB e Fastboot scaricabili da qui; file immagine della recovery TWRP reperibile qui; ROM Xiaomi.eu. PROCEDIMENTO (recovery TWRP) Scarichiamo il file della recovery e rinominiamolo in "recovery.img"; copiamo il file "recovery.img" nella stessa cartella dove abbiamo precedentemente installato i driver ADB; attivate il "Debug USB" e riavviatelo in "fastboot mode": da telefono spento tenete premuti contemporaneamente "VOL-" e il "tasto di accensione" fino all'apparizione del logo fastboot; connettiamo lo smartphone al computer ed attendiamo l'installazione dei driver; apriamo il prompt dei comandi di Windows e rechiamoci nella cartella dove abbiamo installato fastboot; scriviamo il comando per verificare il corretto riconoscimento dello smartphone: fastboot devices se nell'elenco comparirà il vostro no procedete con la guida; in caso contrario bisognerà reinstallare i driver fastboot; dal prompt dei comandi digitate: fastboot flash recovery recovery.img se avete eseguito tutto correttamente avverrà il flashing della recovery che richiederà pochi secondi; riavviate il dispositivo in recovery e tappate la voce "Wipe"; selezionate "Format Data" e digitate "Yes"; riavviamo lo smartphone. PROCEDIMENTO (recovery installazione della ROM) scarichiamo e copiamo il file della ROM nella memoria del telefono; facciamo un tap su "Wipe" ed eseguiamo uno "swipe" per effettuare un factory reset; terminato il factory reset entriamo in "Advanded WIpe" e selezioniamo tutto all'infuori di "Internal Memory"; terminati i wipe entriamo sul menu "Install"; selezioniamo il file della ROM precedentemente copiato e facciamo partire l'installazione; terminato il flashing della ROM, entriamo nuovamente nel menu "Wipe" e facciamo un tap sulla voce "Format Data"; scriviamo "Yes" per confermare e alla fine della formattazione riavviamo lo smartphone per completare la procedura. Fonte: MIUI Forum
  24. In questa guida vedremo come installare la nota recovery custom TWRP e, attraverso questa, ottenere i permessi di root su Huawei Mate 10 Lite. Prerequisiti: Un Huawei Mate 10 Lite Un PC Dispositivo carico almeno al 50% Backup dei dati importanti Attivare Opzioni Sviluppatore Attivare USB Debug Attivare OEM Unlock Installare i drivers sul PC Scaricare “ADBFASTBOOT TOOL“, ”TWRP”, ”SuperSu” Files necessari adb e fastboot installati sul PC Mate 10 Lite TWRP.img SuperSu_2.82.zip IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al dispositivo. Installare la recovery TWRP 1. Assicurarsi che ADB e fastboot siano installati sul PC; 2. Rinominare il file della recovery da “twrp.img” in “recovery.img” e copiarlo nella cartella “adb-fastboot-tool-2016”; 3. Aprire il prompt di dos nella cartella che contiene ”recovery.img" tramite shift + tasto dx del mouse; 4. Connettere il telefono al PC; 5. Incollare questa riga di commando nel prompt e dare Invio per riavviare il telefono in modalità bootloader (fastboot): adb reboot bootloader 6. Flashare la recovery con questo comando: fastboot flash recovery recovery.img 7. Riavviare il dispositivo in recovery: fastboot reboot Rootare il Huawei Mate 10 Lite Copiare il file “SuperSu_2.82.zip” sul telefono; Spegnere il telefono e riavviarlo in Recovery pigiando contemporaneamente Volume giù + Power; Autorizzare le modifiche trascinando “Swipe to Allow Modifications”; Andare su Install, navigare fino a “SuperSu_2.82.zip”, trascinare per installare lo zip; Riavviare il telefono. Ora avete il vostro Huawei Mate 10 Lite con recovery TWRP e Root per potervi dedicare al modding, facile vero? Fonte: GizDev
  25. In questo tutorial andremo a vedere come installare la recovery GizTWRP,ottenere i permessi di root ed effettuare il falsh delle Google Apps sul nuovo Nubia Z11. Ovviamente l'ultima parte di questa guida è ideata per il modello asiatico, in quanto quello venduto sul mercato italiano presenta le Gapps preinstallate. La procedura per TWRP e root, comunque, è valida per entrambe le versioni. IMPORTANTE: La procedura descritta in questa guida presenta operazioni complesse che, se eseguite in maniera scorretta, potrebbero danneggiare il vostro device. Si consiglia l’esecuzione solo da utenti che abbiano maturato una buona esperienza in ambito modding per Android. Lo staff di GizChina.it non si riterrà responsabile per eventuali danni al device. Attenzione: con la GizTWRP 2.0 è possibile, a differenza della versione precedente, effettuare il root direttamente dal menù Avanzate -> Stalence Tools. PREREQUISITI Batteria carica almeno del 70%; pacchetto GizTWRP contenente la Recovery - link. PROCEDIMENTO Prima installazione Nel caso si abbia già una TWRP installata:
×